Carcere di Augusta 4 mesi dopo…


Che bello, mi stanno arivando tante lettere da altre carceri italiane, da detenuti condannati all’ergastolo a cui nessuno dà voce e da quello “nostro”, di Augusta, silenzio assoluto e immotivato se non da un divieto, da un filtro che non posso dimostrare ormai da 4 mesi

…ma fare il bene disinteressatamente alla fine paga: da Augusta silenzio stampa e dalle altre carceri tante lettere piene di poesie, confessioni, racconti, riflessioni…GRAZIE, spero di riuscire a copiare tutto e a pubblicare gradualmente tutto quello che mi è arrivato,  creerò la categoria:

VOCI DA ALTRE CARCERI ITALIANE

Annunci

Terzo giorno, ancora voci dal carcere di Augusta: “Parole crude di un padre triste”


Questa breve poesia, scritta in stretto dialetto catanese, che mi è arrivata dal carcere di Augusta, è dedicata da un padre, Vincenzo, a suo figlio. Per farvela apprezzare meglio pubblicherò, di seguito, la traduzione in italiano.

Vulissi vèniri p’èssiri ccu ttia

ppi nun ti lassari mai cchiù, pavassi

cu la me vita dda vita ca pessi

nun putènnula truvari senza tia.

Vorrei venire per stare con te

Per non lasciarti mai più, pagherei

Con la mia vita quella vita che ho perso

Non potendola trovare senza di te.

Poesie di Giuliano dal carcere di Augusta


META

In ogni sorta d’emozione trovo te

disperso tra i petali di una rosa trovo te,

tra le fiamme più ardenti trovo te

nel desiderio carnale e perso tra le onde dei tuoi capelli trovo te

mi sono perso amore mio…

ma solo per trovare te.

……………………………………………………………….

Vedo

L’ingannevole destino ci ha ab bracciati

E capire di più non abbiam potuto…

Due corpi in un sogno era solo un’illusione

Ho invocato te la mia divinità con la voce del cuore

Ho atteso sperando di condividere…

Una terra arsa si prospetta agli occhi del futuro, il mio.

………………………………………………………………………………………

Sole

Sole, mio unico dio,

trafiggi il mio corpo con i tuoi pugnali d’oro

e io sentirò l’odore della vita

fare l’amore col mio istinto

= sospiri e pensieri =

Cielo, se mi guardassi ora

Vedresti il tremolio delle mie membra

O vento, se mi ascoltassi ora

sentiresti le vibrazioni della mia passione.

Mio soffio caldo, regni ovunque

penetri tra i pori della mia pelle color bronzo

e con me, come io con te,

non smetteresti mai di fare l’amore.

…………………………………………………………………….

Silenzio

I miei occhi si perdono negli occhi tuoi,

nelle tue lacrime si confondo le mie;

parleremo al silenzio del nostro amore

nascondendoci io in te e tu in me

per sentirci come il cuore sente un’emozione.

……………………………………………………………………………..

Poesie napoletane di Luigi dal carcere di Augusta


‘Na sola cosa io e te

Come me manche nun to’ saccio dì

so sulo, già so’ perzo dint’o scuro

comme a nu guagliunciello miezo a folla

c’ha perzo ‘a mamma e nun ‘a riesce

cchiù a truvà, commo ‘a n’aquilone

miezo o’cielo ca sta vulanno

senza sapè addò va. T’arricuorde

che tiempo belle immo passato n’ziemo

tu ‘a caramella e io ‘a cartusciella, tu

l’ago e io o’cuttone, tu ‘o zucchero

e io o’cafè, sempo ‘na cosa io e te

e mo ca sto suffrenno pecchè nun

tengo a tte me sento a vuoto a perdere

e vuo’ sapè o’pecchè: ‘o core è frantumato

e nunn’ o’ può azzeccà, le sierve sulo tu

si tu la ‘o può accuncià.

……………………………………………………………………………

“Ricco e tte”

A che servono tutt’e ricchezze do’munno

si po’ si povero dint’o core

a che serve scetarte ‘a matina

si nun tiene ‘a nisciuno ca te chiamme

ammore, io so puveriello ma so’ ricco

e saie pecchè dinte a

chistu core tengo a tte.

………………………………………………………………………………

Luntano ‘a tte

Si me putisse fa na ecografia

vedisse ca si tutt’a vita mia

sto cuntanno ‘e mise e juorno

ca me allontanano da te nato vierno

nata estate sta passanno in cuollo a me

pure ‘o core è ‘ncatenato pecchè sta

luntano a tte. Sulo cu tte io non

provo paura tu si a vita e dimano

so’ comme e doce ‘o sapore e sti vase

io sonco ‘o re e te ‘a corona ‘e sta casa

luntano a tte tu non saie io che facesso

me ia muri tu io me acciresso.

……………………………………………………………………………………

Pe restà cu tte

Vide che frennesia ca me pigliate

si penzo a tutto chello c’aggio passato

me sento ‘nu bicchiere frantumato

e niente dint’e chesta vita ‘o putesse cchiù azzeccà

io comm’a ‘nu frutto acerbo e senza doce

comm’a n’augiello senza libertà

me sento troppo male din’t a sta gabbia

pecchè non tengo attè pe tè abbraccià.

T’o giuro io sto murenno chianu chianu

nun ce resisto cchiù a campà accussì

se io muresso,  pure all’ato munno

io te aspettasso pe’ restà cuttè.

……………………………………………………………………………….

Senza ‘e te

Si nun tenesso attè fosso ‘nu cielo senza stelle

si nun tenesso attè io nun tenesso sentimento

fosso ‘na foglia vecchia ca se ‘a porta ‘o viento

io, luntano attè, nun songo proprio niente

cchiù ‘e ‘nu vuoto a perdere me sento

cuttè aggio cunusciuto ‘o vero ammore

e mò, luntano attè, me manca pure ‘o sole

che freddo ca me sento tutti ‘e sere

me giro e me rigiro dint’e lenzole

ma sulo dint’e suonno tu si ‘a mia

ma po’ me sceto e moro ‘e pecundria

pecchè me manche tu, ‘a vita mia.

………………………………………………………………………………..

Nun me basta

Tu si ‘a forza ca me manca però te veco,

quande viene a me truvà stai stanche

e nun me ‘o faie vedè, vuò ridere ma so

bugiarde l’uocchie tuoie ca vonno chiagnere

pe mmè, ma nun ‘o faie sapenno ca sto male

e nun me vuò fa soffrì. Io so ‘nu criaturo

‘nnamurato c’ave bisogno ‘e te, te cerco

tutt’e juorno ma nun te pozze avè, purtroppo

e sola ‘n ora pe’ sta ‘nziemo cu ttè e quando

po’ fernesce sto male commo a che ritorno

dint’a ‘na stanza ch’è fredda e scura ma me chiagne

m’bietto ‘o core can un te vo’ lassà, me magno ‘a morze

e mano che voglia ‘e riturnà ancora dint’e braccia a

casa a te vasà.

“Mio fiore”


di Giuliano dal carcere di Augusta

Gioia perenne di un cuore folle

respiro d’ogni mio respiro…

disciolgo i miei pensieri come l’ultima traccia di neve

e ti immagino poi rifiorire nel mondo che ti circonda

mio fiore, colorato di vita e d’amore

d’innanzi ai miei occhi di ghiaccio.

Trasportata dal vento del tuo istinto muovi le tu graziosità

sapendo che nel solo guardarti io muoio dalla voglia d’averti

pochi attimi basterebbero per riportarmi in vita

ad un centimetro dalle tue labbra come ad un

centimetro dalla mia salvezza.

Mio fiore di corallo solo il tempo spiegherà le sensazioni

che provo nel sentire il tuo profumo, nel lambire i tuoi

petali come ad una donna sfiorarle il viso;

il tempo che ora ci è nemico domani ti dirà

che sul tuo corpo ho letto il più bel romanzo

d’amore e che mi sono perso proprio come il mio

sguardo si è perso nei tuoi occhi, ma solo per amore.

“SE” di Francesco dal carcere di Augusta


Se credi che un perdono

va più lontano di una vendetta

se sai cantare la falsità degli altri

e danzare la loro allegria

se puoi ancora ascoltare il disgraziato

che ti fa perdere tempo e donargli un sorriso

se sai accettare la critica e farne tesoro

senza respingerla e difenderti

se sai accogliere e accettare

un parere diverso dal tuo

se ti rifiuti di battere

la tua colpa sul petto degli altri

se per te l’altro

 è innanzitutto un fratello

se preferisci essere danneggiato

che far torto a qualcuno

se rifiuti che dopo di te

“succeda quel che succeda”

se ti schieri dalla parte del povero

e dell’oppresso senza considerarti un eroe !

se credi che l’amore

è la sola forza di discussione

se credi che la pace è possibile…

…allora la pace verrà

e saremo tutti fratelli.

Ancora “voci dal carcere di Augusta”


ALTRE POESIE DI FRANCESCO RICEVUTE POCO FA 

In cella

Un passo

un altro

un altro ancora

dalla finestra al cancello

e il mio cuore

sprofonda in un abisso.

Un passo

un altro

un altro ancora

dal cancello alla finestra

e l’anima mia

vola nell’infinito.

Un passo

un altro

un altro ancora

e il tormento

non ha mai fine !

…………………………………………………..

Realtà

Lo sguardo,

elemosinando un po’ di compagnia,

scruta il cielo

che gli appare come uno schermo

ove i mutevoli contorni delle nuvole

proiettano, immagine dopo immagine,

il film della vita.

Cerco di attenuare il dolore,

illudendomi, di riuscire a vincere

la mia solitudine.

Ma, l’improvviso ed amaro

epilogo della rappresentazione,

vela di silenziosa umidità

lo sguardo che adesso,

spoglio di emozioni,

fissa la muta e solitaria cella.

………………………………………………………

Dalla finestra

Nel cielo si sono accese

mille timide e piccolissime luci

che corteggiando

la misteriosa e affascinante luna

percorrono il rettangolo della finestra

trasformandolo

nell’eternamente

mutevole quadro della vita.

Contemplando

tale meraviglia mi chiedo

cos’altro significhi “libertà”

se non la consapevolezza

di essere una goccia d’acqua

che naviga

nel fiume dell’esistenza.