Festival: domenica anteprima di folklore e cultura horror


Un tuffo nell’antica Etruria, tra miti, mostri e divinazione, accompagnati da Nortia, la ‘dea della Fortuna’. Comincia cosi’ l’appassionante viaggio di Autunnonero, il Festival Internazionale di Folklore e Cultura Horror, organizzato dall’Associazione Culturale Autunnonero con la direzione artistica di Andrea Scibilia e il contributo della Regione Liguria, che ogni anno coinvolge i partecipanti nel mondo del fantastico alla ri-scoperta di leggende, storie misteriose e luoghi suggestivi.Tante le curiosita’ legate a questa anteprima di Autunnonero 2010, che con i suoi appuntamenti entrera’ nel vivo ad ottobre per proseguire fino a novembre con tante importanti novita’.

Domenica 18 luglio, nel borgo medievale diIsolabona nell’entroterra di Ventimiglia, in provincia di Imperia, verra’ inaugurato il ricco calendario di incontri, concerti e spettacoli della V edizione del festival, dedicato quest’anno altema ‘Metamorphosis. Miti, ibridi e mostri’. Appuntamento, dunque, nella splendida cornice dell’Antico Frantoio di Isolabona, a partire dalle 18.30, per immergersi nell’atmosfera dell’antica Etruria, la moderna Tuscia, e riscoprire il sapore dei piatti dell’antica cultura etrusca.

fonte Adnkronos

A cavallo per la Tuscia, al via le ippovie certificate


tuscia ippovieLa Provincia lancia “Percorsi a cavallo nella Tuscia“, ovvero le ippovie certificate del Viterbese. “Un’iniziativa – commenta l’assessore all’Agricoltura, Mario Trapè – per promuovere il territorio e farne conoscere le bellezze”.

Il progetto, partito nei giorni scorsi, prevede realizzazione dei percorsi sul territorio, mettendo in rete gli agriturismo interessati, l’inserimento degli itinerari in brochure che pubblicizzano il territorio e la pubblicazione delle ippovie nel sito internet della Provincia. Protagonisti dei “Percorsi a cavallo nella Tuscia” saranno i cavalli e i cavalieri maremmani.

“Gli utenti potranno scegliere, in funzione delle proprie esigenze e dei propri desideri, il percorso più interessante. Per ciascun percorso – spiega Trapè – troveranno le caratteristiche del tracciato, i dislivelli, le distanze chilometriche, i punti sosta, gli alloggi e tutti i servizi messi a disposizione dai responsabili del percorso medesimo”. Sul sito, che verrà aggiornato di continuo, e sul materiale informativo saranno disponibili, inoltre, i riferimenti telefonici e gli orari delle attività programmate (escursioni guidate, corsi per le diverse discipline, ippoterapia, scuola per bambini).

Tra i servizi disponibili nelle strutture correlate (agriturismo per la sosta dei cavalieri e centri equestri) ci sono: noleggio cavalli, recupero di auto e trailer, trasporto e box per i cavalli, pista per allenamenti, campo regolamentare, ristorazione (in alcuni punti tappa), equitazione naturale, attacchi, allevamenti.

“La sosta in agriturismo – continua l’assessore – costituisce il filo conduttore del progetto, per dare sostanza e raccordare la tradizione contadina, il turismo in campagna, con le sue peculiarità e unicità irripetibili, approfittando di questo mezzo di trasporto per vivere in sella al cavallo una full immersion nelle bellezze del territorio e nelle nostre tradizioni”.

I percorsi sono tutti utilizzabili per passeggiate in mountain bike e a piedi. Il progetto prevede anche la qualificazione dei tecnici di settore per il conseguimento della qualifica di accompagnatore di turismo equestre.

da www.newsfood.com