“Settembre”


di Angela Ragusa

Ridotta  la calura,

si mitiga la mia ansia di sete.

Riflettono i raggi e bianca la pietra

assorbe dai pori senza vita

il sudore di piedi che nudi

oltrepassano la via…

Occhi bruciano al vento

che solleva di spuma biancastra,

color dell’inverno,

il mare alla battigia.

Settembre leggero ritrova dimora

nella spiaggia deserta

e abbraccia il giorno che accorcia le ombre

rincorrendo tremule foglie

che a terra si apprestano a giacere.

“Sintesi”


di Angela Ragusa

D’avorio la pelle
nel tuo sguardo
sprofonda visione.
Spuma fumante
spruzza su me
risposta virile.

Accolgo la gioia
di desiderio compiuto
…e i tamburi del cuore
risuonano impazziti!