Sara Errani fermata dalla cinese Na Li al torneo WTA di Varsavia


di Daniela Domenici

E’ appena terminato il match tra l’azzurra Sara Errani, 35eesima nel ranking mondiale, e la cinese Na Li, 12esima nella stessa classifica. Nei precedenti due incontri che le hanno viste di fronte ha sempre vinto l’atleta cinese quindi il compito per la tennista bolognese si è presentato arduo in partenza per il grande “gap”, il divario tra le due posizioni.

Il primo set se lo aggiudica la cinese in 36’ 11” di gioco con il punteggio di 6 a 2, nessun ace nè double fault da parte di entrambe le atlete.

Nel secondo set sin dall’inizio netto predominio della Li che si porta sul 4 a 0, al quinto game la Errani conquista il suo primo e unico punto grazie a una palla break ma la Li “ricambia” subito rubandole il servizio e portandosi prima sul 5 a 1 e poi sul 6 a 1 aggiudicandosi anche questo set e il match nel tempo complessivo di gioco di 1h 07’ 41”.

L’azzurra Sara Errani continua a vincere in terra polacca


di Daniela Domenici

Si è appena concluso il match tra l’azzurra Sara Errani, 35esima del ranking mondiale e la slovacca Magdalena Rybarikova, 51esima della stessa classifica; i tre precedenti incontri che le hanno vista sfidarsi si sono conclusi a favore della Rybarikova per 2 a 1.

Nel primo set sul 5 a 3 a favore della slovacca la Errani con un palla break inizia la rimonta e va sul 5 a 4 e poi è tutto un “batti e ribatti” fino 6 a 6, la Errani non vuole proprio “mollare” il set alla Rybarikova e conquista palla su palla anche nel tie break; numerosi i double faults a carico della slovacca, 6, e nessuno per l’azzurra. Il set che dura più di un’ora, segnale di un incontro molto combattuto e viene vinto da una tenacissima Errani per 7 a 6 in 1h 8’ 35”.

Secondo set con partenza subito in velocità per l’azzurra che si porta sul 3 a 1 grazie a due palle break e poi sul 5 a 3 all’ottavo gioco e poi vincere il set col risultato finale di 6 a 3 aggiudicandosi anche il match in 1h 50’ 10”.

Al torneo di tennis WTA di Barcellona tripletta rosa italiana: vincono Errani, Vinci e Garbin


di Daniela Domenici

Si sono appena conclusi gli incontri che vedevano in campo tre delle nostre atlete al torneo WTA di Barcellona appena iniziato ed è stata “tripletta rosa”: tutte e tre le azzurre, Sara Errani, Roberta Vinci e Tathiana Garbin hanno battuto le rispettive avversarie.

Tathiana Garbin, 56esima nel ranking mondiale, ha affrontato e sconfitto la ceca Lucie Hradecka. 73esima, in due set col punteggio finale di 6-4, 7-5 al tie break nel tempo complessivo di 1h 49’ 06”; numeroso il numero dei double faults di entrambe le tenniste, 10 per la la Garbin contro i 13 della Hradecka e un numero equivalente di palle break ottenute.

Sara Errani, 39esima del ranking, ha battuto l’argentina Gisela Dulko, 37esima, in tre set terminati 2-6, 6-1, 7-6 nel tempo totale di gioco di 2h 28’ 37”; nessun double faults ne aces per Sara Errani mentre la Dulko ne ha fatti ben 8.

Il risultato forse meno atteso, data la diversa posizione nel ranking a sfavore dell’azzurra è stato quello di Roberta Vinci, 54esima dl ranking, che ha affrontato e sconfitto la francese Aravane Rezai, 20esima, in due soli set nel tempo complessivo di 1h 11’ 35” e il risultato finale di 6-3, 6-4; numerosi double faults per la francese, 7, e 1 aolo per la Vinci e nessun aces.

Semifinale “rosa” tutta italiana al torneo di tennis WTA di Marbella: Pennetta batte Errani


di Daniela Domenici

Si è appena concluso il secondo incontro di semifinale al torneo di tennis WTA di Marbella, il primo ha avuto luogo tra due atlete spagnole, il secondo tra due azzurre: la brindisina Flavia Pennetta, n°16 nel ranking mondiale, e la bolognese Sara Errani, n°43.

Gli incontri precedenti tra le due atlete si sono conclusi con 2 vittorie a 1 a favore della Pennetta.

Anche questo è andato a lei col punteggio finale di 6-1, 6-1 nel tempo complessivo di 59’ 54”, meno di un’ora: non c’è stata storia per la Errani oggi contro la nostra “numero uno”.

Nel primo set partenza al fulmicotone di Flavia Pennetta che ottiene due palle break in apertura portandosi sul 4 a 0, concede poi un solo game alla Errani chiudendo il set in soli 26’ 39” minuti sul 6 a 1.

Il secondo set è la fotocopia esatta del primo: nuovamente Flavia Pennetta conquista due palle break nei primi 4 games e si porta sul 4 a 0, poi concede un solo game all’avversaria e conclude anche questo set col punteggio di 6 a 1 in meno di 20 minuti.

Al torneo WTA di Miami avanza l’azzurra Sara Errani


di Daniela Domenici

Si è appena concluso l’incontro tra l’azzurra Sara Errani, n°43 del ranking mondiale, e la tedesca Tatjana Malek, n°83.

La Errani ha concesso un solo game all’avversaria battendola in due set, nel tempo complessivo di 1h 03’ 29”, col punteggio finale di 6-1, 6-0 che fotografa perfettamente l’incontro: l’azzurra ha avuto vita facile contro la tedesca.

Il primo set si è aperto con una serie di break e contro break ma poi la Errani ha messo la marcia giusta e se lo è aggiudicato in soli 34 minuti; nel secondo set l’azzurra ha dominato incontrastata non concedendo, come detto in apertura, neanche un game alla Malek.

Anche il conto dei double faults dà un’idea dell’andamento dell’incontro: 4 a 1 per la tedesca.

Tra poco scenderanno in campo le altre due azzurre, la Brianti e la Vinci.

Flavia Pennetta e Sara Errani vincono al torneo WTA di Indian Wells in California


di Daniela Domenici

Negli incontri di ieri le azzurre Flavia Pennetta e Sara Errani hanno sconfitto le rispettive avversarie e vanno così avanti nel torneo californiano di Indian Wells del circuito WTA.

La nostra numero uno, Flavia Pennetta, n°12 del ranking mondiale, ha sconfitto agevolmente la giocatrice ceca Petra Kitova, n°61, in 1h 5’ di gioco, concedendole solo 6 games e chiudendo il match col risultato di 6-3, 6-3. Al prossimo turno la Pennetta affronterà la vincente tra Peer, n°17, e Mattek.

E anche l’altra azzurra, Sara Errani, 49° nel ranking, è riuscita a battere la sua avversaria, la slovacca Dominika Cibulkova, in posizione nettamente migliore di lei nel ranking, n°29, nel tempo complessivo di 1h 40’ col risultato finale di 7-5, 6-4.

Note di cronaca: nessun aces da parte di entrambe le giocatrici e un solo double fault a testa, indice di una partita molto tranquilla, attenta, quasi sofferta da parte della Errani che ha messo a segno una percentuale maggiore di palle break che l’hanno aiutata in questa vittoria.

Fed Cup di tennis: semifinale Italia-Rep.Ceca


KHARKIV (UCRAINA) – l’Italia batte l’Ucraina 4-1 e conquista ancora una semifinale di Fed Cup (dove affronterà, in casa, la Repubblica ceca che ha superato 3-2 la Germania), trofeo di cui ha vinto le ultime due edizioni.

Di Francesca Schiavone il merito del punto decisivo, nel solco aperto in mattinata dalla vittoria di Flavia Pennetta. L’uno-due porta l’Italia sul 3-1 a Kharkiv. Chiudono in bellezza Sara Errani e Roberta Vinci, aggiudicandosi il doppio contro Mariya Koryttseva e Viktoria Kutuzova in due set: 6-1, 6-3. La Schiavone batte 2-6, 6-1, 6-1 Kateryna Bondarenko in un’ora e 38′ di gioco. In precedenza la Pennetta aveva superato Alona Bondarenko 7-5, 7-6 (7-3) dopo un’ora e 53′ di un incontro tiratissimo. Si allunga così la striscia vincente delle azzurre che in Fed Cup non perdono da due anni: l’ultima sconfitta contro la Spagna a Napoli nel febbraio 2008. La tennista milanese si prende la rivincita del ko incassato sabato da Alona (6-1, 6-4) con un match partito in salita. Pronti via e Kateryna va sul 3-0, senza patire alcuna tensione dall’obbligo di vincere per mantenere vive le speranze ucraine. Nel sesto gioco l’azzurra cede ancora la battuta. Poi recupera uno dei due break di svantaggio, ma finisce comunque per cedere il parziale per 6-2. ”Nel primo set ho giocato proprio male – ammette -. Allora ho rallentato il gioco, cambiando ritmo: così ho fatto la differenza”. Aiutata da un doppio fallo di Kateryna in avvio di secondo set, che le regala il break. Da lì in poi la Schiavone è quasi perfetta, volando sul 5-0. L’avversaria recupera un break, ma arriva comunque il 6-1. Nella terza e decisiva partita, la minore delle sorelle Bondarenko avverte il peso della responsabilità e la Schiavone si porta sul 5-0. Nel settimo game l’azzurra salva due palle break. Un sevizio vincente firma il 6-1 e porta l’Italia in semifinale. Nel suo incontro la Pennetta parte contratta. Alona ne approfitta ottenendo il break al quinto gioco, per poi portarsi sul 4-2. L’azzurra resta comunque in partita fino al 5-5. Il primo set si chiude sul 7-5. Nel secondo c’è grande equilibrio fino al tie-break. Poi è la freddezza dell’azzurra a fare la differenza: 7-3 per il sorpasso. ”Sono stata brava a non mollare mai – commenta al termine la brindisina – una regola base nel tennis di oggi, dove nessuna ti regala niente. Soprattutto in Fed Cup bisogna entrare in campo sempre rispettando l’avversaria, perche’ in questo tipo di gara i valori possono venire completamente stravolti”.

fonte ANSA