“Filo spinato”


di Angela Ragusa

Alla mente i ricordi ,sulla pelle il destino
tatuaggio indelebile,inflitto ed inciso
Pochi i miei anni di contro a paura
agli occhi afferrata e lì impressionata.
Ai miei giochi vietati lasciavo la polvere
e strano l odore di un fumo nebbioso
che fitto esalava al gelo dei cuori,
poggiato a quel filo, la spina pungeva.

E lo sguardo al di là oltrepassava la morte
se forte, fame spingeva
E senza capelli ,vuoto lo stomaco
Io non capivo il perché.

Un pomeriggio letterario in riva al mare – alcune note “leggere” di uno spettatore presente: Gianfranco Iannuzzo


Lo scenario in cui si svolge questa riunione è la spiaggia di Torvajanica dove la leggenda dice che sia approdato Enea (infatti il tratto di spiaggia viene chiamato “Porto di Enea”). Non immaginavamo che tutto si dovesse svolgere praticamente a ridosso della battigia. Quando arriviamo è già quasi tutto pronto: microfono, sedie per i quattro poeti e, a semicerchio, lettini da spiaggia a mò di poltrone. Non conosciamo nessuno ma non possiamo fare a meno di notare che quattro persone (tre donne e un uomo) sono tutti vestiti di bianco. Tra di loro crediamo di riconoscere Tiziana Mignosa, ci facciamo un pò sfacciati e le chiediamo se sia lei; a presentazione avvenuta ci presenta le altre poetesse (l’ unico “maschietto” è impegnato a chiacchierare con altri). Poi andiamo a sceglierci una “postazione” che riteniamo essere buona per le eventuali riprese. Nel frattempo un ragazzo inizia a trasmettere da una console della musica molto romantica (inizialmente, da profani, non ne capiamo il motivo), ci colpisce molto “All by Myself”. Rivolgiamo la nostra attenzione ai protagonisti della serata: tutti e quattro sono impegnatissimi, chi li chiama a destra, chi a sinistra. Alla canzone precedente segue la musica dei Buddha Bar. Capiremo il perchè di questa musica di sottofondo quando verrà intervistata Rita Minniti. Il cielo si rannuvola un pò ma nel complesso si sta bene. Alle 19.50 circa si inizia. Vengono presentati i poeti e il signore con il cappello (che, se non andiamo errati, si chiama Gottardo) inizia a leggere le poesie di cui non ricordiamo l’esatto ordine cronologico. Sappiamo per certo che per ultima è stata letta la poesia di Nunzio Buono a cui è seguita la relativa intervista biografica quindi partiamo dal presupposto che inizialmente sia stata letta la poesia di Rita Minniti a cui è seguita l’ intervista. Poi crediamo che sia toccato a Maria Grazia Vai, quindi a Tiziana Mignosa della quale è stato letto un brano del suo secondo romanzo: “Perchè”. Dopo di lei (o prima di lei, non ricordiamo esattamente) si è messo a piovere e per cercare un riparo per la videocamera, ci siamo un attimo distratti saltando la poesia di Maria Grazia Vai ma in compenso abbiamo salvato l’ intervista. Chi è stato presente non ha potuto fare a meno di ammirare il bel tramonto che minuto dopo minuto si realizzava all’ orizzonte. Poi, finite la lettura delle poesie e le interviste, si era pensato bene di leggere qualche altra poesia dal libro “Piuma d’ anima” ma il tempo ieri sera aveva deciso di essere dispettoso così, recitati i primi versi della prima poesia, ci si è dovuti arrendere a chi in quel momento sembrava essere il più forte: la pioggia; pioggia che ha smesso di “onorarci” della sua presenza solo quando ha capito che ormai ci eravamo arresi: niente lettura delle poesie! Si acquistino i libri prima che diluvi! Invece… ha smesso! Così abbiamo avuto l’ opportunità di scambiare qualche parola con i protagonisti della serata magari “estorcendo” loro qualche dedica sul libro. Poi, inesorabilmente, il sole è scomparso oltre l’ orizzonte e a noi è toccato andar via. Peccato…proprio una bella serata!

Senza lacrime nè cielo


di Angela Ragusa

Trasforma il sogno la realtà.
L’incanto si è svelato
e polvere così sfuma
dai sandali tuoi rossi…

Salice piangente
si specchia sul tuo viso.

Dietro quelle sbarre,
destino indecifrabile
assurdo nei perché
che non lasciano risposte.

Verde come mela,
mani non ebbero riguardo .

Non riesci più a danzare
nelle ore senza tempo ,
tutto è fermo a quel ricordo
che non smette di svanire.

Dietro l’angolo gramigna
soffocò il tuo bel fiore…
ora cresci senza linfa,
senza lacrime ne cielo!

“Perché” e “Piume d’anima” a Siracusa


di Daniela Domenici

Nello splendido salone della sede della Provincia in via Malta a Siracusa ha appena avuto luogo un evento culturale letterario: la presentazione di ben due libri, uno di narrativa, “Perché”, e una silloge poetica dal titolo “Piume d’anima”: entrambi i testi sono editi da Narrativaepoesia.

Autrice del romanzo è la scrittrice di origine siracusana, ma da molti anni ormai residente nei pressi di Roma, Tiziana Mignosa: è la sua seconda opera narrativa dopo “La storia senza fine” presentato l’anno scorso.

La silloge contiene le liriche di ben quattro poeti, tra cui anche Tiziana Mignosa, di varie parti d’Italia; solo uno dei tre era presente a Siracusa, Maria Grazia Vai, gli altri due, Rita Minniti e Nunzio Buono, non sono potuti venire.

Entrambi le autrici e le loro opere sono state presentate da due formidabili “veterani” che già avevamo avuto modo di apprezzare l’anno scorso: la professoressa Angela Gullì e il giornalista Santi Pricone; la prima ha dedicato la sua analisi, come sempre attenta e puntuale, all’opera narrativa “Perché”, una storia d’amore molto particolare, mentre Pricone ha saputo ben focalizzare la sua attenzione sulla silloge.

Per completare e arricchire questo evento letterario è stato chiamato un giovane attore teatrale siracusano, Massimo Tuccitto, che ha recitato alcune liriche contenute in “Piume d’anima”, poesie che hanno una caratteristica che le accomuna: sono state tutte create sull’ascolto di vari brani musicali, uguali per tutti e quattro i poeti.

“Ecce homo”


di Angela Ragusa

Nuovo sole sorgerà
al ridestar di aurora
quando rintocchi di campane
scioglieranno
pianto sconsolato di una madre
che nella notte
ha cullato il silenzio.

Dal sepolcro
giungerà eco di pace
e in lontananza luce bianca
abbaglierà di quiete
i mille sguardi miserevoli
di un così ristretto mondo .

Non serviranno più domande,
non ci chiederemo più perché…
ogni cosa troverà armonia
nell’ordine supremo
che era già stato scritto…
Egli si svelerà!

“Ecce Homo”
e nella nostra resurrezione
lo rivedremo!

“Perchè”, seconda opera narrativa di Tiziana Mignosa


E’ da pochi giorni nelle librerie la seconda opera narrativa di Tiziana Mignosa, “Perchè”, ne parlo perchè è un’opera a cui tengo particolarmente essendone la correttrice di bozze nonchè editor e (per chi non conoscesse bene l’inglese l’editor non è l’editore ma è colui o colei che non si limita a correggere gli errori di ortografia ma va oltre correggendo l’uso improprio della punteggiatura la concordanza temporale, le ripetizioni e quindi i sinonimi, ecc)) non solo di questo ma anche del primo romanzo, “la storia senza fine”.

Eccone un estratto dalla “quarta” di copertina:

“…l’Amore vero non segue le strade consuete dell’esistenza, segue tutte le vie che trova e si intrufola riempiendo ogni fessura vuota colmandola del suo bene…la gioia difficilmente è pura, assoluta, molto spesso è contaminata da un sottile dolore che l’accompagna come a ricordarci che qui, sulla terra,  tutto ciò che inizia è destinato a finire e che comunque ogni evento si manifesta entro un tempo ben efinito che noi non siamo in grado di modificare. Gli incontri che si fanno, infatti, variano nella durata ma ciò che conta non è il tempo riservato a ognuno di loro ma l’apprendimento che da essi ne scaturisce, spesso però si corre il rischio di perdere i sogni per strada, la quotidianità, i doveri, i dolori sono come tasche bucate per i nostri gioielli ma noi  dobbiamo essere più forti e non pemettere mai a nessuno e a niente ddi far sì che ciò accada…” (da “Perché” di Tiziana Mignosa)

http://www.narrativaepoesia.com/perche.html

“PERCHE’” di Tiziana Mignosa


di Daniela Domenici

E’ stato pubblicato ieri, 9 dicembre, “PERCHE’”, terza opera della scrittrice, di origine siracusana ma romana di adozione, Tiziana Mignosa per i tipi di Narrativaepoesia.

La scrittrice, che è anche pittrice e si occupa di artigianato artistico, ha esordito con una silloge di poesie dal titolo “I segreti del cielo”, edita da EdizioniCreativa, una raccolta di 50 poesie che narrano il sorgere, l’esplosione e il declino di una storia d’amore.

Ha poi pubblicato, sempre edito da EdizioniCreativa, la sua prima opera di narrativa, “La storia senza fine” che narra anch’essa una delicatissima vicenda sentimentale.

In questa sua terza opera, “Perché”, Tiziana Mignosa intreccia, con sapiente abilità, una storia d’amore attuale con un’altra vissuta nel lontano passato e in altri luoghi e che riaffiora alla memoria grazie all’aiuto di alcune sedute di regressione ipnotica.

Chi scrive, essendo la correttrice di bozze ed “editor” di tutti e tre i libri, vuole festeggiare con l’autrice questo suo nuovo traguardo augurandole tanto meritato successo.

http://www.narrativaepoesia.com/perche.html

 http://www.ibs.it/libri/Mignosa+Tiziana/libri.html

  http://poesienelvento.splinder.com/