Il carcere? Una serra da coltivare-I detenuti giardinieri per la città


NAPOLI – Il carcere diventa giardino e ai detenuti spunta il pollice verde. I parchi e le piazze di Napoli saranno forniti di fiori e piantine prodotti e lavorati all’interno delle serre della casa circondariale di Secondigliano. L’iniziativa, si legge in una nota, nasce da un accordo tra direzione penitenziaria, Tribunale di sorveglianza ed assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli.

A LEZIONE DAGLI AGRONOMI – A formare i detenuti saranno gli agronomi e i giardinieri del Comune che hanno nel progetto il ruolo di docenti per le lezioni teoriche e di pratica florovivaistica. L’iniziativa sarà presentata martedì 26 gennaio, alle 12, nella struttura penitenziaria di Secondigliano dove interverranno il sindaco di Napoli Rosa Iervolino Russo con l’assessore all’Ambiente Rino Nasti, il presidente del Tribunale di Sorveglianza Angelica Di Giovanni, il provveditore regionale dell’Amministrazione Penitenziaria, Tommaso Contestabile, il direttore dell’Istituto, Liberato Guerriero, con la vicedirettrice Giulia Leone. Ed ancora, il presidente della Commissione Ambiente dell’Ordine degli avvocati, Giovanni Siniscalchi, ed il garante dei diritti dei detenuti, Adriana Tocco.

da www.corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Questa è la notizia che ci arriva da Napoli.

Ad Augusta, invece, da più di un mese 12 detenuti escono ogni mattina dal carcere per lavorarare come giardinieri in base all’art. 21 per un accordo tra la direzione del carcere e il Comune di Augusta, lo faranno per 6 mesi, ogni giorno dalle 8 alle 12.

Poesie napoletane di Luigi dal carcere di Augusta


‘Na sola cosa io e te

Come me manche nun to’ saccio dì

so sulo, già so’ perzo dint’o scuro

comme a nu guagliunciello miezo a folla

c’ha perzo ‘a mamma e nun ‘a riesce

cchiù a truvà, commo ‘a n’aquilone

miezo o’cielo ca sta vulanno

senza sapè addò va. T’arricuorde

che tiempo belle immo passato n’ziemo

tu ‘a caramella e io ‘a cartusciella, tu

l’ago e io o’cuttone, tu ‘o zucchero

e io o’cafè, sempo ‘na cosa io e te

e mo ca sto suffrenno pecchè nun

tengo a tte me sento a vuoto a perdere

e vuo’ sapè o’pecchè: ‘o core è frantumato

e nunn’ o’ può azzeccà, le sierve sulo tu

si tu la ‘o può accuncià.

……………………………………………………………………………

“Ricco e tte”

A che servono tutt’e ricchezze do’munno

si po’ si povero dint’o core

a che serve scetarte ‘a matina

si nun tiene ‘a nisciuno ca te chiamme

ammore, io so puveriello ma so’ ricco

e saie pecchè dinte a

chistu core tengo a tte.

………………………………………………………………………………

Luntano ‘a tte

Si me putisse fa na ecografia

vedisse ca si tutt’a vita mia

sto cuntanno ‘e mise e juorno

ca me allontanano da te nato vierno

nata estate sta passanno in cuollo a me

pure ‘o core è ‘ncatenato pecchè sta

luntano a tte. Sulo cu tte io non

provo paura tu si a vita e dimano

so’ comme e doce ‘o sapore e sti vase

io sonco ‘o re e te ‘a corona ‘e sta casa

luntano a tte tu non saie io che facesso

me ia muri tu io me acciresso.

……………………………………………………………………………………

Pe restà cu tte

Vide che frennesia ca me pigliate

si penzo a tutto chello c’aggio passato

me sento ‘nu bicchiere frantumato

e niente dint’e chesta vita ‘o putesse cchiù azzeccà

io comm’a ‘nu frutto acerbo e senza doce

comm’a n’augiello senza libertà

me sento troppo male din’t a sta gabbia

pecchè non tengo attè pe tè abbraccià.

T’o giuro io sto murenno chianu chianu

nun ce resisto cchiù a campà accussì

se io muresso,  pure all’ato munno

io te aspettasso pe’ restà cuttè.

……………………………………………………………………………….

Senza ‘e te

Si nun tenesso attè fosso ‘nu cielo senza stelle

si nun tenesso attè io nun tenesso sentimento

fosso ‘na foglia vecchia ca se ‘a porta ‘o viento

io, luntano attè, nun songo proprio niente

cchiù ‘e ‘nu vuoto a perdere me sento

cuttè aggio cunusciuto ‘o vero ammore

e mò, luntano attè, me manca pure ‘o sole

che freddo ca me sento tutti ‘e sere

me giro e me rigiro dint’e lenzole

ma sulo dint’e suonno tu si ‘a mia

ma po’ me sceto e moro ‘e pecundria

pecchè me manche tu, ‘a vita mia.

………………………………………………………………………………..

Nun me basta

Tu si ‘a forza ca me manca però te veco,

quande viene a me truvà stai stanche

e nun me ‘o faie vedè, vuò ridere ma so

bugiarde l’uocchie tuoie ca vonno chiagnere

pe mmè, ma nun ‘o faie sapenno ca sto male

e nun me vuò fa soffrì. Io so ‘nu criaturo

‘nnamurato c’ave bisogno ‘e te, te cerco

tutt’e juorno ma nun te pozze avè, purtroppo

e sola ‘n ora pe’ sta ‘nziemo cu ttè e quando

po’ fernesce sto male commo a che ritorno

dint’a ‘na stanza ch’è fredda e scura ma me chiagne

m’bietto ‘o core can un te vo’ lassà, me magno ‘a morze

e mano che voglia ‘e riturnà ancora dint’e braccia a

casa a te vasà.

Detenuto suicida nel carcere di Sulmona


Un detenuto del supercarcere di Sulmona si e’ impiccato nella sua cella. Il cadavere e’ stato scoperto dagli agenti di custodia.

Non e’ stato rivelato il nome del detenuto che, si e’ appreso, aveva 28 anni ed era del napoletano. Sulla vicenda il sostituto procuratore della Repubblica di Sulmona, De Siervo, ha avviato un’inchiesta. Il supercarcere di Sulmona, che ospita anche detenuti del 41 bis, e’ noto come il ‘carcere dei suicidi’, per le numerose morti avvenute negli anni scorsi.
fonte ANSA

Campagna shock in Campania per prevenire gli incidenti da botti di fine anno


di Paola Ganci

A poche ore dallo scoccare della mezzanottedel 31 Dicembre che darà il benvenuto al nuovo anno , parte una Campagna di informazione promossa dal Coordinamento campano contro l’uso dei fuochi illegali di Napoli.

Le immagini sono volutamente forti e ritraggono bambini feriti pesantemente dai botti illegali. Immagini che, purtroppo, non vanno  molto lontano dalla realtà di ciò che accade ogni anno e che, proprio a causa dei pericolosi botti illegali venduti da commercianti senza scrupoli, sembra più un bollettino di guerra piuttosto che il resoconto di una festa.

Francesco Emilio Borrelli, responsabile del Coordinamento, dice: ”Siamo andati a consegnare anche dei volantini con sopra scritto ‘Vergognatevi’ ai venditori di fuochi  illegali del Pallonetto di Santa Lucia e dei Quartieri Spagnoli che continuano a vendere indisturbati, come quelli delle zone  periferiche della città tipo San Giovanni, Scampia o Secondigliano. Questi commercianti in queste ore realizzeranno la maggioranza delle vendite e noi vorremmo che le forze dell’ordine lo impedissero. La nostra battaglia è anche in memoria di Nicola Sarpa il giovane di 25 anni, proprio dei Quartieri Spagnoli, che l’anno scorso morì dopo essere stato colpito da un proiettile vagante”.

La speranza è che possa servire a ridurre un fenomeno che tutti gli anni fa numerose quanto evitabili vittime, specie tra i più giovani.

da www.newnotizie.it

L’ex stazione diventa nuova casa per il bimbo che non può dormire


È affetto dalla sindrome di Ondine, che gli inibisce il respiro appena chiude gli occhi in preda al sonno, il bambino di 7 anni che da questo Natale vive nella ex stazione di via Del Monte a Torre del Greco. I vani adibiti un tempo a biglietteria e controllo della linea della Circumvesuviana, la metropolitana regionale campana, rimessi a nuovo e offerti con un accordo tra Comune e società di trasporti al bimbo e alla sua famiglia come nuova casa. Dove naturalmente è stato sistemato il macchinario che tiene in vita il piccolo e che gli consente di respirare la notte. La sindrome di Ondine, di cui sono affette 200 persone oggi nel mondo, è una grave anomalia respiratoria che impedisce di inspirare ed espirare naturalmente quando il corpo è rilassato in stato di riposo. La sindrome porta il nome della ninfa Ondine che si innamorò di un uomo mortale. Quando questi la tradì – come racconta il sito dell’Aisicc che si occupa delle persone ammalate di questa sindrome – il re delle ninfe gli lanciò una maledizione che gli fece «dimenticare» di respirare durante il sonno provocandogli la morte. E questo accade oggi a una ventina di persone in Italia che per sopravvivere la notte, essendo affette da questa sindrome, hanno bisogno di un sistema di ventilazione meccanica e di restare attaccate a respiratori che impediscano di passare di colpo dal sonno alla morte.

Per la famiglia Mennella, Ciro che ha lasciato il lavoro di carpentiere per seguire il bambino e che vive di lavoretti saltuari, Maria, una casalinga, e il figlio affetto dalla complessa patologia, si tratta delle prime festività di Natale trascorse nella casa. La storia viene raccontata da Giovanni Navarone su Collegare, la free press della Circumvesuviana, «padrona di casa» dei Mennella. Un’esperienza nuova, e molto speciale vista la natura di stazione dismessa, spazi ampi scelti non a caso per ospitare la famiglia che aveva problemi di ingombro considerato il volume delle apparecchiature che devono aiutare il bambino durante il sonno. Ora dunque la possibilità di vivere grazie a un alloggio di circa 120 metri quadrati, due piani, a pochi passi dai binari.

Naturalmente ci sono l’albero e gli addobbi natalizi mentre nella stanza del bimbo, accanto ai giocattoli, il ventilatore meccanico al quale dovrà rimanere attaccato per tutta la vita durante la notte. Il piccolo frequenta la prima elementare e durante l’orario scolastico è seguito da un infermiere messo a disposizione dall’Asl. La storia dei Mennella è anche uno spicchio di solidarietà per chi si imbatta nella loro abitazione lì dove c’era la biglietteria della stazione. Capita infatti che ci sia qualche viaggiatore distratto che non sa che la fermata è stata abolita chieda informazioni o assistenza che non viene negata. Qualcuno domanda un bicchiere d’acqua e poi viene a sapere che quella è la casa di un bambino che ha ritrovato la speranza di vivere.

I Mennella, visto che in casa i problemi per la mancanza di un reddito adeguato non mancano, sono pronti anche a candidarsi a fare da custodi del locale o a vendere biglietti della Circumvesuviana se fosse loro richiesto. «Candidatura» che nasce anche dalla volontà di ricambiare il favore ricevuto dopo anni difficili, tra cui quelli vissuti in giro tra ospedali pediatrici di mezz’Italia.

da www.corrieredelmezzogiorno.corriere.it

La grammatica della lingua napoletana?


Adam Ledgeway alla Federico II per la presentazione
del saggio «diacronico» su quello che non è più dialetto

Adam Ledgeway alla Federico IIAdam Ledgeway alla Federico II

 

NAPOLI – Il napoletano è ufficialmente una lingua. Se finora potevano esserci dubbi sulla definizione – è antica la querelle tra lingua e dialetto – da ora ogni perplessità è stata fugata. E la certificazione scientifica del Napoletano lingua arriva da Cambridge.

LA GRAMMATICA – È infatti uno studioso inglese Adam Ledgeway ad aver scritto la prima «Grammatica diacronica del napoletano». Il professore che, appunto insegna proprio all’Università di Cambridge è oggi, lunedì, a Napoli per la presentazione del volume all’Università Federico II.

I LINGUISTI – L’iniziativa ha chiamato a raccolta tanti linguisti della Patricia Bianchi, Michela Cennamo, Nicola De Blasi, Chiara De Caprio, Costanzo Di Girolamo, Francesca Dovetto, Pietro Maturi, Emma Milano, Francesco Montuori e Rosanna Sornicola. L’incontro sarà presieduto da Alberto Varvaro.

 da www.corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Napoli, l’albero di Natale “dei desideri” rubato e ritrovato dopo poche ore


L’albero di Natale issato nella a ha passato una notte decisamente movimentata: dopo essere stato rubato la sera di mercoledì 9 dicembre è stato ritrovato nei poche ore dopo.

Alle 2,30 della notte una pattuglia della polizia aveva visto una banda di ragazzini intenta a trasportare l’albero trafugato per i vicoli dei Quartieri: quando ha capito di essere stata scoperta la baby gang si è data alla fuga abbandonando l’abete in . Qui sono entrati in scena i vigili urbani che con un pick-up lo hanno trasportato al comando per poi riportarlo in galleria nella mattinata di venerdì 11 dicembre.

L’albero dei desideri della era già stato rubato negli anni passati: in questa occasione però non ha resistito neppure mezza giornata. L’installazione dell’abete sui cui rami vengono appesi i «desiderata» di cittadini e turisti per natale è diventato un classico del Natale napoletano.

In galleria, il vaso rimasto vuoto è stato oggetto di attenzione dei turisti che lo hanno fotografato. Qualcuno ha anche lasciato un biglietto indirizzato a babbo Natale con scritto: «Fa che coloro che hanno fatto questo scempio, e tutti i loro simili possano diventare sterili e quindi non poter più produrre altra “spazzatura”. Questa città e la stragrande maggioranza della gente, che purtroppo non ha voce, merita di più».

Uno degli abituali frequentatori della galleria punta il dito deciso contro un’orda imprecisata di ragazzini non meglio identificati: «Erano in venti e hanno portato via l’albero, tanto qui si sa chi è stato».

Anche nel 2002 l’abete fu rubato per essere ritrovato alcuni giorni più tardi gettato via tra i vicoli del centro. Questo era il ventiseiesimo anno consecutivo che al centro della galleria veniva posto a decoro e disposizione dei passanti il sempreverde, omaggio e dono di Antonio Barbaro, presidente del Comitato commercianti. Una tradizione che aveva assunto un sapore particolare a due settimane dal Natale 2009, con la conclusione dei lavori di restauro alle volte e ai mosaici della .

“L’albero dei desideri” dopo essere stato sottoposto alle cure degli addetti al servizio Parco e giardini del Comune di è stato accudito, imbragato e di nuovo travasato per essere rimesso al suo posto. Si spera che questa volta ci rimanga, almeno fino al 25 dicembre.

da www.blitzquotidiano.it