Birmingham: Italbasket da favola: centrate le semifinali mondiali


E’ finita 63 a 47 Italia-Canada, match che valeva l’ingresso in semifinale, ai mondiali di basket in carrozzina di Birmingham. “Eravamo in 12 in campo. Ha vinto questo gruppo meraviglioso”, dice a corto di fiato e scosso dall’emozione Galliano Marchionni, tra i protagonisti di questo successo storico

la gioia degli azzurri

ROMA – L’Italbasket centra un risultato storico ai mondiali di Birmingham: conclusa da pochi minuti la partita dei quarti contro il Canada, siamo ora in semifinale, cioè tra le quattro compagini più forti al mondo. D’accordo, siamo i Campioni d’Europa in carica, ma segnare prima al Giappone 70 punti contro 60, poi al Canada, squadra di altissimo lignaggio e seconda del suo girone, 63 punti a 47, è roba da mostri del canestro.

Quest’ultima impresa è stata da incorniciare, perché i ragazzi di Coach Malik Abes hanno tenuto la partita in pugno per tutte le frazioni, chiuse sempre in vantaggio (15-10;15-12;14-13;19-12), con il capitano, Matteo Cavagnini, vero trascinatore del gruppo e autore di 20 punti, seguito da Andrea Pellegrini, con 11, e Fabio Riamondi, 10. Così commenta quest’ultimo, a corto di fiato e travolto dall’emozione: “Avrebbero dovuto essere 7 in campo, oggi, i canadesi per batterci. Abbiamo giocato bene tutti, chiudendo in vantaggio tutti e quattro i tempi. Eravamo motivati, carichi. Abbiamo perso tante semifinali per poco, pochissimi punti. Una buona volta doveva girare bene la sorte! Gli avversari? A un certo punto i canadesi avevano fretta, hanno tirato soprattutto da 3 per recuperare, ma più di tanto non hanno potuto”.

“Questa è una vittoria che parte dal gruppo, un gruppo meraviglioso- aggiunge Galliano Marchionni-. In campo, contro il Canada, eravamo in 12, con noi c’era tutta la panchina. Non siamo mai scesi d’intensità. Non so descrivertela questa emozione che provo…”. E chiude commosso il presidenteRemo Breda: “Grandissimi tutti, straordinari. Il risultato di oggi è storico, mai l’Italia del basket in carrozzina era arrivata così in alto. Far fare al Canada soli 47 punti non è da tutti. La difesa è stata fantastica: dura, tenace. Se mi avessero detto che avremmo fatto +16 al Canada non ci avrei mai creduto”.

da http://www.superabile.it

Annunci

Assegnati all’Italia i Mondiali di volley femminile del 2014 e sorteggiati i gironi per i Mondiali del 2010 in Giappone


di Fabio Casu

La Federazione Internazionale di pallavolo (FIVB) ha assegnato all’Italia l’organizzazione dei campionati del mondo di volley femminile del 2014. Per il nostro Paese si tratta di un ulteriore importante riconiscimento ottenuto in campo pallavolistico, visto che il prossimo anno si giocheranno in Italia i Mondiali maschili. La decisione è stata comunicata al Presedente della Fipav Magri a Tokyo, dove si sono svolti i sorteggi dei prossimi Mondiali. Oltre alle due edizioni della competizione iridata l’Italia organizzerà i prossimi europei del 2011 insieme alla Serbia mentre anche per gli appassionati di beach volley non mancheranno gli appuntamenti: nell’estate del 2011 infatti a Roma si disputeranno i Mondiali sia maschili che femminili.

E sono stati sorteggiati a Tokyo i gironi dei prossimi campionati del mondo di pallavolo femminile, che il prossimo anno si terranno in Giappone. Per l’Italia l’urna non è stata troppo benevola visto che ci sarà subito il big-match contro il Brasile, quasi una finale anticipata, più l’ostica Olanda, finalista agli ultimi europei proprio contro le ragazze di Barbolini. A completare la Pool B ci saranno il Kenya, tra le milgiori squadre africane, la Repubblica Ceca e Portorico. L’Italia, tra le grandi favorite, avrà quindi un inizio complicato, ma anche il girone D, con Russia, Cina e Corea del sud tutte insieme, appare una pool abbastanza incerta. Ecco il quadro completo dei gironi del Mondiale giapponese.

Pool A
Giappone, Serbia, Polonia, Peru’, Algeria, Costarica.

Pool B
Brasile, Italia, Olanda, Kenya, Portorico, Repubblica Ceca.

Pool C
Usa, Cuba, Germania, Kazakhstan, Thailandia, Croazia

Pool D
Cina, Russia, Corea del sud, Turchia, Repubblica Dominicana, Canada.