Trionfo etiope alla 16 maratona di Roma


Nella più grande festa dell’atletica italiana, la Maratona di Roma, che quest’anno era dedicata alla memoria del grande corridore etiope Abebe Bikila, che la vinse 50 anni fa il 10 settembre 1960 con la migliore prestazione mondiale correndo a piedi scalzi col pettorale n°11, è stato un trionfo etiope sia in campo maschile che femminile.

Tra gli uomini ha vinto col tempo di 2h 8’ 39” SIRAJ GENA, atleta del 1984 che aveva un personale di 2h 10’41” e che ha voluto percorrere gli ultimi metri emulando il suo grande conterraneo togliendosi le scarpe nonostante i “sampietrini”; in quello femminile ha trionfato la giovanissima ventenne MARE DIBABA, che un mese fa ha fatto fermare il cronometro sulla mezza a 1h 07’ 13”, con il tempo finale di 2h 25’ 28”.

Il primo degli italiani è stato Daniele Meucci che si è ben distinto tre settimane fa alla maratonina Roma-Ostia con il tempo finale di 2h 17’ 50”.

Tra gli atleti disabili sulle loro handbikes ha vinto, dando un bel distacco al secondo e al terzo atleta, Alex Zanardi, l’ex campione di Formula 1 che dopo l’incidente e la successiva amputazione degli arti, si è voluto rimettere in gioco nell’atletica: oggi ha concluso col tempo di 1h 15’ 53”.

E’ stata un’emozione indescrivibile vedere partire, passando sotto lo striscione, la folla oceanica di 100.000 persone, prima i 15.346 atleti col pettorale provenienti da 83 nazioni, nuovo record di partecipanti, di cui 8.834 italiani e 6.512 stranieri, e a seguire il fiume ininterrotto dei non competitivi: un’emozione di colori, canti, sorrisi, semplicemente voglia di esserci, oggi primo giorno di primavera e festa dell’atletica.

36esima maratonina Roma Ostia, la parola ai protagonisti: Meucci e Console tengono alte le attese per gli italiani


di Daniela Domenici

Al via questa mattina all’EUR 10.500 atleti provenienti da tutte le regioni d’Italia per partecipare alla 36esima Maratonina Roma Ostia, la 21 km con il più alto numero di iscritti.Ieri pomeriggio presentazione alla stampa della gara e dei principali protagonisti con l’intervento di un inossidabile Gianni Morandi che ha dichiarato: “E’ sempre bellissimo partecipare a questa gara. Vengo da Bologna con qualche acciacco ma pronto ed allenato. L’entusiasmo che mi dimostra la gente ogni volta che vengo a correre qui è davvero straordinario. Ringrazio tutti per l’affetto che mi dimostrano.”Per gli italiani le attese erano riposte su Rosalba Console, già vincitrice nel 2005, e su Daniele Meucci alla sua prima Roma Ostia. L’atleta della Fiamme Gialle ha corso tutta la gara in un testa a testa con la keniana Alice Timbilill che alla fine ha avuto la meglio sul traguardo, al terzo posto l’atleta francese Daunay.

Anche in campo maschile predominio degli atleti keniani ed etiopi: primi due keniani, il vincitore Peter Kimeli che ha vinto col tempo di 1h 1′ 51″, seguito da Rotich e dall’etiope Megersa, con un ottimo Cosimo Coliandro, delle Fiamme Gialle, primo degli italiani e quarto assoluto, seguito, al quinto posto, da Daniele Meucci,  che corre per i colori dell’Esercito,  seguito da un altro atleta keniano.

Molti gli atleti disabili al via con le loro handybikes tra cui abbiamo riconosciuto l’ex campione di F1 Alex Zanardi.

In gara tra i tanti appassionati di corsa anche alcuni parlamentari di Montecitorio, capitanati dall’on.le Lupi, che coglieranno l’occasione per raccogliere fondi a favore di Arcat, un’ associazione che si occupa del recupero di persone con problemi di alcoolismo, il Delegato allo Sport del Comune di Roma Alessandro Cochi che proverà a correre tutta la Roma Ostia  e Francesco Ghirelli, Direttore Generale del Comitato Organizzatore dei Mondiali di Volley Italia 2010 che correrà con una maglia speciale dedicata ai Campionati organizzati dal 24 settembre al 10 ottobre tra Milano, Firenze, Torino, Verona e Roma dove si disputerà la finalissima.