Trionfo etiope alla 16 maratona di Roma


Nella più grande festa dell’atletica italiana, la Maratona di Roma, che quest’anno era dedicata alla memoria del grande corridore etiope Abebe Bikila, che la vinse 50 anni fa il 10 settembre 1960 con la migliore prestazione mondiale correndo a piedi scalzi col pettorale n°11, è stato un trionfo etiope sia in campo maschile che femminile.

Tra gli uomini ha vinto col tempo di 2h 8’ 39” SIRAJ GENA, atleta del 1984 che aveva un personale di 2h 10’41” e che ha voluto percorrere gli ultimi metri emulando il suo grande conterraneo togliendosi le scarpe nonostante i “sampietrini”; in quello femminile ha trionfato la giovanissima ventenne MARE DIBABA, che un mese fa ha fatto fermare il cronometro sulla mezza a 1h 07’ 13”, con il tempo finale di 2h 25’ 28”.

Il primo degli italiani è stato Daniele Meucci che si è ben distinto tre settimane fa alla maratonina Roma-Ostia con il tempo finale di 2h 17’ 50”.

Tra gli atleti disabili sulle loro handbikes ha vinto, dando un bel distacco al secondo e al terzo atleta, Alex Zanardi, l’ex campione di Formula 1 che dopo l’incidente e la successiva amputazione degli arti, si è voluto rimettere in gioco nell’atletica: oggi ha concluso col tempo di 1h 15’ 53”.

E’ stata un’emozione indescrivibile vedere partire, passando sotto lo striscione, la folla oceanica di 100.000 persone, prima i 15.346 atleti col pettorale provenienti da 83 nazioni, nuovo record di partecipanti, di cui 8.834 italiani e 6.512 stranieri, e a seguire il fiume ininterrotto dei non competitivi: un’emozione di colori, canti, sorrisi, semplicemente voglia di esserci, oggi primo giorno di primavera e festa dell’atletica.

2 giorni alla Maratona di Roma – 2 days left to Rome Marathon


Mancano solo 2 giorni alla più grande festa italiana dell’atletica: la Maratona di Roma, 100.000 pesrone al via al Colosseo…:-)

Only 2 days left to the greatest Italian athletic meeting: Rome Marathon, 100.000 people at the start at Colosseum…:-)

Roma: conto alla rovescia…-5 – only 5 days left…


Mancano 5 giorni alla Maratona di Roma, il più partecipato evento sportivo di atletica, centomila persone al via tra professionisti, amatori e semplici persone che vogliono trascorrere qualche ora in mezzo ai “grandi” della corsa, andiamo tutti all’arrivo ai Fori Imperiali ad applaudire questi atleti e atlete, ci saranno anche molti disabili con le loro handbykes…

Only 5 days left for Rome Marathon, the most participated athletic event, 100.000 people at the start, professional runners, amatorial ones and common people who just want to spend some hours among the “big”, the top runners…let’s all go to the arrival at Fori Imperial to clap these athletes, there will be also many disabled athletes with their handbykes…

Mondiali di atletica: scuse ufficiali a Caster Semenya


A quattro mesi dallo scandalo Semenya, la federatletica sudafricana ha inviato una lettera di scuse all’atleta sulla cui sessualità si era scatenato un vero polverone mediatico

ATHLETICS Caster Semenya - 0

“Una delegazione si incontrerà con Caster, la sua famiglia e il governo per discutere sulla materia”, prosegue la lettera della federatletica, innescata probabilmente dalla condanna pronunciata dal Congresso delle Nazioni Africane, che aveva espresso le proprie perplessità sull’atteggiamento della federazione sudafricana. “Avrebbero dovuto gestire meglio la questione”.

I risultati dei test condotti dalla Iaaf non sono ancora stati resi noti, sebbene dall’Australia siano emerse anticipazioni clamorose sull’ermafroditismo della Semenya. Il primo a pagare per la vicenda è stato Leonard Chene, presidente della federazione sudafricana di atletica. Chuene, che in un primo momento si era detto all’insaputa della somministrazione a Caster Semenya di un test per appurarne l’identità sessuale, ma che in una seconda fase aveva riconosciuto di aver mentito al fine di tutelare l’atleta, è stato sospeso dal comitato olimpico sudafricano.

fonte www.eurosport.yahoo.com