La felicità e la beatitudine…


La felicità e la beatitudine non sono date da abbondanza e ricchezza o splendore di fortuna, nè da alcuna forma di potere o facoltà di nessun tipo di cui l’uomo disponga, ma da assenza di tristezza, mitezza di passioni e da un’inclinazione naturale dell’animo che ci dispone a vedere i limiti di quanto è secondo natura…” (Epicuro, “Sentenze e frammenti, 125, in “Scritti morali”)

Ringrazio Riccardo Di Salvo a cui ho “rubato” questo suo post in Facebook

Annunci

Poesie napoletane di Luigi dal carcere di Augusta


‘Na sola cosa io e te

Come me manche nun to’ saccio dì

so sulo, già so’ perzo dint’o scuro

comme a nu guagliunciello miezo a folla

c’ha perzo ‘a mamma e nun ‘a riesce

cchiù a truvà, commo ‘a n’aquilone

miezo o’cielo ca sta vulanno

senza sapè addò va. T’arricuorde

che tiempo belle immo passato n’ziemo

tu ‘a caramella e io ‘a cartusciella, tu

“Macàri lu to silenziu…”


di Angela Ragusa

assenza d'amore

Si ti putissi ancora diri 
chiddu chi provu 
quannu li me’ pinzeri 
avvolunu versu di tia, 
tu sintissi 
‘n-tronu scruscianti 
ca facissi trimuliari 
lu to cori… 
Ma nenti chiù paroli 
nenti chiù talìati, 
nenti… 
Tuttu murìu.. daccussì 
annigghiatu nni la notti, 
comu nu malu ventu 
c’annorba li sensi 
e lassa sulu feli 
ntra la vucca… 
Unni semu ora… 
unni mi cunnùci ancora 
nte sogni a fantasticari… 

…di tia, tutto

m’haju stipatu 
macari lu to silenziu!