Turismo: cibo da strada in festival


In Toscana la prima manifestazione nazionale promossa dall’Associazione non profit Streetfood

 Ai nastri di partenza la prima tappa di “Streetfood Market”, l’evento promosso dall’Associazione No-profit “Streetfood” che il 22 e 23 maggio a Marciano della Chiana (Arezzo), nel cuore della Toscana, vedrà per la prima volta in Italia riunirsi tutti i cibi di strada del Bel Paese. Un vero e proprio ritrovo dei principali prodotti di strada che in questo borgo medievale avranno l’opportunità di farsi conoscere, ma anche di trovare un confronto su un settore che da moda sta rappresentando sempre di più un importante traino territoriale. A partire dal convegno sul tema “Quali prospettive per il cibo di strada italiano?” prenderanno parte molti rappresentanti del settore del commercio e della sanità per fare il punto sulle normative in materia di somministrazione di cibo di strada e sul futuro economico del settore. Vero cuore della manifestazione sarà tuttavia il mercato dei cibi di strada che si snoderà per le vie del borgo con taglio del nastro alle ore 11: dai Gofri piemontesi, al panino con lampredotto, la porchetta, la focaccia di Recco, il tortello alla lastra, le olive ascolane e tanti altri prodotti di strada provenienti da tutta Italia. Quello del cibo di strada è un settore importante in Italia dove si contano oltre 3mila operatori (non esiste ancora un vero censimento, ma sono i dati estrapolati dalle iscrizioni ai registri di commercio). La figura del venditore ambulante di cibo ha fatto da compagnia alla storia dell’Italia e oggi è tornata a rivivere.

 Il programma di sabato 22 maggio prevede molte iniziative collaterali: oltre al già segnalato convegno e al mercato a partire dalle ore 11, da segnalare alle ore 10.30 presso la presentazione del primo sistema Gps con un percorso sui cibi di strada promosso dall’Associazione StreetFood. Alle ore 16 prenderà il via la prima “Street Foot”, una gara podistica lungo il Sentiero della Bonifica che costeggia il Canale Maestro della Chiana. Dal 22 e 23 maggio sarà aperta anche una mostra di foto in tema enogastronomico “Street Shoot” nei locali della rinnovata Torre medievale di Marciano, in collaborazione con Associazione Fotografica Imago di Arezzo e chi vorrà potrà iscriversi al concorso con foto sul tema “la strada, il viaggio e l’emozione del cibo”, scattate durante l’evento e altrove con premiazione fissata già per il prossimo anno.

 L’Associazione “Streetfood” è nata con l’obiettivo principale di recuperare la storia del cibo di strada e di promuovere questo mondo che in Italia vanta radici storiche. Tra le attività la ricerca, con la partecipazione ai master di settore, a corsi universitari grazie all’ausiliodi pubblicazioni in corso d’opera.

da www.vita.it

Musica: in Toscana Campanile Rock, il “talent show” formato parrocchia


Non solo “Amici”o X Factor: anche le parrocchie hanno il loro talent show. A Montevarchi (Arezzo) arriva, venerdi’ sera, Campanile rock, il concorso regionale per i gruppi musicali nati nelle parrocchie, negli oratori, nei circoli, nelle associazioni. La serata si svolgera’ venerdi’ 14 maggio nella sala musicale dell’oratorio di Sant’Andrea Corsini, in viale Matteotti: inizio alle 21. In gara sei gruppi, gia’ selezionati dalle gare eliminatorie: i migliori tre – secondo il giudizio di una giuria tecnica – avranno accesso alla finale regionale. Al gruppo piu’ applaudito, invece, andra’ il ”premio del pubblico”. Il concorso e’ organizzato, insieme al settimanale cattolico Toscana Oggi, dai donatori di sangue Fratres, da Radio Toscana e dall’Agesci. L’ingresso alla serata, come sempre, e’ gratuito. Ma chi sono i gruppi in gara? I Pikke vengono dall’oratorio di Bibbiena, hanno una lunga esperienza alle spalle, vantano una partecipazione a Sanremo Rock; presentano le loro composizioni a meta’ strada tra il rock ed il pop, con la voce di Alessandro Goretti e le tastiere del virtuoso Giovanni Gabrielli particolarmente in evidenza.

fonte Adnkronos

11 maratonina “Città di Arezzo”


Arezzo oggi è in festa: sta per iniziare l’11 maratonina “Città di Arezzo” all’interno della quale si correranno anche tre diversi campionati italiani: quello dei Vigili del Fuoco, quello di Medici e quello dei Farmacisti…davvero una bella festa dello sport !!!

Più di mille gli iscritti, 1080 per l’esattezza tra uomini e donne, provenienti da ogni parte d’Italia, a questa competizione, che sui pettorali ha due degli sponsors, la Mizuno (che ha fornito una tuta come pacco-gara per ogni atleta) e aruba.it e che si snoderà tra le vie cittadine.

Per quel che riguarda il Vigili del Fuoco sono presenti ben 35 compagnie da ogni parte della penisola con 185 atleti in gara, dato che ha fatto registrare un nuovo record; e ci hanno anche comunicato che dall’anno prossimo avranno un loro corpo nazionale, le Fiamme Rosse, che si andranno ad affiancare agli altri corpi “storici” come le Fiamme Gialle della Finanza e quelli della Polizia e dei Carabinieri.

E ora la cronaca della gara il cui percorso era caratterizzato da qualche pendenza che ha reso più competitiva la vittoria che è andata, per gli uomini, col tempo di 1.02.07, a un atleta etiope, Seboda Dibada Tala, che ha preceduto un gruppetto di altri 7 “colleghi” che hanno dominato tutta la gara, correndola sempre al comando, tutti di nazionalità etiope e keniana.

Anche la gara femminile è stata dominata da atlete africane; anche qui la vittoria è andata a un’etiope, Bekele Abelek, seguita da una keniana. Primo degli atleti italiani, al 9° posto, Domenico Ricatti e prima delle donne Paola Garinei.

Il campionato italiano dei VVFF, che avevano il pettorale di colore rosso, è stato vinto da Francesco Minerva che è anche il secondo degli atleti italiani arrivati al traguardo; quello dei medici, col pettorale giallo, da Rossano Altini e quello dei farmacisti, pettorale bianco, da Francesco Palermo.

Parallelamente alla maratonina si è corsa anche la gara sulla distanza dei 10 km che è stata vinta, per gli uomini, da Tommaso beati e per le donne da Michela Minciarelli.