Un gregge di mille pecore dalla Sardegna come dono per l’Abruzzo


Un gregge di quasi mille pecore che gli allevatori sardi hanno donato ai “colleghi” abruzzesi colpiti dal terremoto sarà consegnato a L’Aquila Venerdì 20 novembre 2009 alle ore 11.00 nel Piazzale della Fimek – ex Italtel (ora Campo della Croce rossa).

Così, insieme alle case, iniziano anche a ripartire le attività economiche con l’ arrivo di un grande gregge che servirà a ricostituire gli allevamenti di una parte delle centinaia di aziende agricole flagellate. Un dono singolare che, pensato da Gigi Sanna, socio Coldiretti e anima del gruppo musicale Istentales, è stata tradotta in pratica dall’azione sinergica delle Coldiretti di Nuoro e Abruzzo in collaborazione con i rispettivi Assessorati regionali all’agricoltura.

Un gesto nato un pò per la solidarietà che ha caratterizzato il settore agricolo in questa occasione e un pò per quella antica usanza che in Sardegna si chiama “sa paradura”, che prevede il dono di una o più pecore a chi cade in disgrazia per risollevare le sue sorti.

Un impegno per un mestiere antico ricco di tradizione che consente la salvaguardia di razze in via di estinzione a vantaggio della biodiversità del territorio, ma che offre anche produzioni di carne e formaggi di pecora di qualità particolarmente importanti per la ripresa economica in una Regione come l’Abruzzo dove un terzo delle imprese si occupa di agricoltura e l’agroalimentare pesa per il 15 per cento sul Pil regionale.

da www.newsfood.com

Sicilia: Al via la Kermesse “Piante officinali in ambiente mediterraneo”


Tre giorni itineranti tra esposizioni di piante e fiori, seminari e visite guidate

Aspetti ambientali, paesaggistici, naturalistici, etnici, agronomici, alimentari, industriali e culturali sono i temi di una tre giorni itinerante tra Agrigento e Trapani dedicata alla “Piante officinali in ambiente mediterraneo“, che inizierà a Sciacca giovedì prossimo, passando per Menfi venerdì, per finire nel trapanese sabato a Mazara del Vallo.

Nella manifestazione, in uno spazio espositivo di fiori e piante, si terranno due seminari e una visita tecnica in una azienda agricola specializzata. Sarà l’occasione per illustrare il progetto di ricerca dell’assessorato Agricoltura e Foreste della Regione siciliana e del Consorzio “Corissia” sulle piante officinali, e per confrontare le esperienze siciliane con quelle realizzate dai Servizi allo Sviluppo delle altre Regioni italiane coinvolte nel Programma Operativo Multiregionale. 

“E’ un momento di sintesi e di riflessione – ha spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura, Michele Cimino – sulle potenzialità di utilizzo di queste piante nel settore agroindustriale. L’obiettivo è potenziare la multifunzionalità delle aziende agricole, cosa che la Regione intende promuovere alla luce delle misure previste dal Programma di sviluppo rurale”.
fonte www.newsfood.com

“Bandiera Verde Agricoltura 2009”: domani verrà premiato lo scrittore Andrea Camilleri


bandieraverde-200E’ lo scrittore Andrea Camilleri uno dei premiati di “Bandiera Verde Agricoltura 2009″, che verrà consegnato domani mattina a Roma, presso la “Residenza di Ripetta”. Il premio, promosso dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori, viene conferito ad aziende, territori e personalità che si sono particolarmente distinte nell’ agricoltura sostenibile, nel recupero di tradizioni, nell’innovazione, nell’originalità e nell’ingegno.

La motivazione del riconoscimento allo scrittore Andrea Camilleri risiede “nelle continue ‘immersioni’ del Suo Commissario Montalbano nell’enogastronomia tradizionale e di qualità che rappresentano uno straordinario contributo alla salvaguardia, alla valorizzazione e alla diffusione della conoscenza dell’impareggiabile scrigno di sapori, storia e territori del nostro Paese. Al contempo l’attenzione al cibo, la ricerca di prodotti particolari fanno del Commissario Montalbano e quindi del Suo geniale creatore, un testimone d’eccezione della sapienza e dell’insostituibile attività che gli agricoltori svolgono nella produzione di materie prime, nella tipicità e nella costruzione del paesaggio italiano. Andrea Camilleri è un patrimonio immenso come gli agricoltori e crea un’ immagine positiva del nostro Paese nel Mondo”.

Lo scrittore siciliano, che si è detto felice per questo riconoscimento, ha fatto sapere che sarà presente domani alla cerimonia di premiazione.

da www.newsfood.com

Firenze: agricoltura in festa con la “Festa del Ringraziamento”


agricolturaL’agricoltura Fiorentina si ferma per la “Giornata del Ringraziamento“, il tradizionale appuntamento con la festa degli agricoltori promossa da Coldiretti Firenze-Prato (www.firenze-prato.coldiretti.it) con il patrocinio del Comune di Castelfiorentino.

Una ricorrenza che affonda le sue radici nell’antichità, momento religioso per ringraziare Dio dei doni concessi nell’anno appena trascorso, e per quelli che potrà concedere nel prossimo futuro, che la principale organizzazione agricola provinciale ha scelto di celebrare nel cuore del sistema agricolo della Val d’Elsa, a Castelfiorentino, domenica 15 novembre, con la sfilata dei trattori in centro con ritrovo in Piazza Kennedy (ore 9,30 ritrovo dei partecipanti), e l’inaugurazione della nuova sede in località Petrazzi in via Chini al numero civico 7 (vicino ai  Vigilie del Fuoco) unico centro di riferimento per gli agricoltori di Castelfiorentino, Certaldo, Montaione e Gambassi Terme.

L’agricoltura torna ad essere protagonista con i suoi attori, i coltivatori, durante una Santa Messa (inizio ore 10,30) celebrata dal Sua Eccellenza Monsignor, Alberto Silvani Vescovo di Volterra, la benedizione dei prodotti della terra e dei mezzi agricoli che poi sfileranno per le vie del centro.  La “Giornata del Ringraziamento” è un giorno di festa per tutta la Coldiretti e un motivo di particolare soddisfazione per i coltivatori della Val D’Elsa che potranno fare affidamento sulla nuova sede inaugurata alla presenza delle autorità locali e cittadine (ore 12,15). “Una scelta di continuità e di continuata presenza in un’area rurale che ha sempre più bisogno di risorse qualificate per affrontare le sfide del terzo millennio.

Siamo certi – sottolinea Roberto Nocentini, Presidente di Coldiretti Interprovinciale che coglie l’occasione per invitare tutti gli imprenditori a partecipare alla benedizione – di contribuire con questa nostra scelta a rafforzare e vivificare il capitale sociale ed economico della Val d’Elsa e dell’intera nostra Provincia. Agricoltura e fede: due valori fondamentali per la nostra associazione e per i coltivatori. La Giornata del Ringraziamento è un momento di incontro, preghiera, rinnovata fede, e devozione nei confronti della provvidenza, di Nostro Signore che ci permette ogni mattina di poter godere dei prodotti che lui ci ha dato e che noi, con la nostra fatica e con il nostro lavoro, dobbiamo preservare.

da www.newsfood.com