“Tic tac”


di Angela Ragusa

Strano torpore, strana abulia…
Scivolano lente le ore
e lasciano in me solo pesante vuoto
di cose non fatte.

Strane visioni, strano sentire
e riempio le tasche di inutili cose
quando solo di poco
potrei ricrearmi.

Annunci