Sondaggio. L’omeopatia sale in serie A


di Riccardo Bagnato

Dopo anni di ostracismo, segnali di novità per l'”altra” medicina. Siete d’accordo?

L’Europa lo aveva sancito sei anni fa con la direttiva 2004/27CE. L’Italia lo ha recepito con il decreto legislativo 219 del 2006: il prodotto omeopatico ha status di “farmaco” a tutti gli effetti, e i medicinali omeopatici esistenti sono di fatto autorizzati fino al 2015, in attesa di essere registrati secondo le procedure che Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, deve stabilire. Quindi acquistabili, ma senza le indicazioni tipiche di un farmaco tradizionale: né posologia né tanto meno convenzione con il sistema sanitario. E neppure pubblicizzabile. Dal 2006, anno in cui l’omeopatia è diventata legge, il Belpaese non ha fatto passi avanti. Tutto fermo. Silenzio dall’Aifa. In assenza di una procedura per la registrazione (e quindi per la commercializzazione) dei nuovi prodotti omeopatici, produttori e consumatori hanno allora trovato soluzioni alternative. E soprattutto sono cresciuti. Sino a che, finalmente, a giugno è arrivato un primo importante segnale da parte delle istituzioni.

L’Aifa ha detto sì
Si chiama «Modalità di presentazione delle domande di registrazione semplificata – art. 17, comma 2 del dlgs 219/06». Tradotto in italiano si tratta delle linee guida per la registrazione dei nuovi farmaci omeopatici. A pubblicarle sul proprio sito è stata la stessa Agenzia italiana del farmaco – bontà sua – lo scorso 21 giugno. Un passo avanti importante, ha commentato OmeoImprese – associazione composta da 18 aziende produttrici di medicinali omeopatici – per cui adesso, però, c’è bisogno di norme attuative al fine di rendere quelle stesse linee guida operative. Un esempio? Se da un lato è stato reso pubblico il modello per le domande di registrazione semplificate dei nuovi medicinali omeopatici, dall’altro, per quelli presenti sul mercato italiano al 6 giugno 1995, manca ancora il calendario in base al quale Aifa comincerà a prendere in considerazione le eventuali registrazioni, per scongiurare che nel 2015 escano dal mercato, essendo scaduta l’autorizzazione.
Fausto Panni, presidente OmeoImprese e dirigente della società Wala Italia, non ha dubbi: «Purtroppo esistono ancora carenze culturali che hanno un importante impatto sia dal punto di vista legislativo sia per quanto riguarda la preparazione di alcuni funzionari dello Stato. Le faccio un esempio: abbiamo lavorato al tempo con il ministro Livia Turco, ma i ministri della Salute che si sono via via succeduti si sono espressi più volte smaccatamente contro i prodotti omeopatici. Dell’attuale ministro, Ferruccio Fazio, poi non conosciamo addirittura l’opinione, non avendo ancora avuto il piacere di incontrarlo».

da http://www.vita.it

Annunci

Una risposta a “Sondaggio. L’omeopatia sale in serie A

  1. Pingback: Sondaggio. L'omeopatia sale in serie A « www.nutrimente.org di …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...