Lettere: il carcere dell’isola di Favignana, dove le celle sono a 10 metri sotto terra


di Riccardo Arena

Si avvicina l’estate e l’occasione è preziosa per conoscere la realtà di quelle carceri, situate in luoghi divenuti famosi come mete turistiche. Carcere dell’isola di Favignana. Dal punto di vista geografico, Favignana è l’ultimo carcere d’Italia. Ma è forse il primo nella classifica delle peggiori carceri italiane. Si tratta di una piccola struttura, fatta per contenere 139 detenuti, ma che oggi ne ospita 166. Il carcere dell’isola di Favignana è vicino alla piazzetta, dove d’estate i turisti prendono l’aperitivo. Il carcere c’è, ma non si vede. Infatti quello che rende particolare il carcere dell’isola di Favignana è il fatto che è costruito sotto terra. Si deve scendere per andare negli uffici del carcere o nell’infermeria. E si deve scendere ancora per arrivare nelle piccole celle. Celle che sono situate a dieci metri sotto il livello del mare.
Celle che assomigliano più a caverne che a luoghi dove espiare la detenzione. Chi è detenuto nell’isola di Favignana racconta che ci si accorge dell’arrivo dell’aliscafo perché si sente il rumore delle onde che si infrangono sulle pareti delle celle. Si tratta di celle che ovviamente non hanno finestre e dove i muri sono corrosi dall’umidità e dalla salsedine. Dentro ogni cella ci vivono 3 o 4 detenuti e un piccolo muretto, altro 40 centimetri, separa il bagno dalle brande. Per il resto le condizioni igieniche all’interno del carcere di Favignana sono a dir poco fatiscenti. Le celle sono sporche, mentre scarafaggi e topi girano indisturbati nella sotterranea galera dell’isola di Favignana.

da www.ristretti.it

Annunci

8 risposte a “Lettere: il carcere dell’isola di Favignana, dove le celle sono a 10 metri sotto terra

  1. è scandaloso forse perchè nn sono i vostri mariti fratelli o parenti 10 metri sotto il livello del mare nn è mormale ragazzi di 30 anni con dolori reumatici cosa volete ridarci dei cadaveri se ce li darete vivi anche se forse ha voi nn importa niente a noi si sono i mostri uomini grazie

  2. sono i nostri mariti e fratelli vorremmo riaverli vivi e sani se nn è chiedere troppo sono esseri umani e hanno tutti una famiglia che li ama con tutto il cuore

  3. Cosa posso dire mi vergogno di essere Italiana da quando ho un caro parente all interno di quell inferno!!!!si è un vero e proprio inferno,li hanno allontanati il piu possibile dalle famiglie e levandogli la cosa piu importante,l affetto familiare di ogni settimana,dandogli la possibilita di farlo con lettere ke arrivano sempre in ritardo anche di due settimane,e quella telefonata alla settimana ke non posso proprio mai mancare,sentire la sua voce per me è come l aria non se ne puo fare a meno.La gente è cattivaaa e non capiscono che sono degli esseri UMANIIIIIII con i loro errori ma..chi non li faa ma son pur sempre personee e non animali hanno diritto ai loro diritti,stanno gia pagando con la mancanza di libertà,e devono avere di meglio non dico di essere liberi anche se sarei la piu felice del mondo,ma un carcere nuovo che è pronto ma non capisco il perche non decidono quanto prima di innaugurarlo,ci provano gusto a tenerli come cavernicoli poveri tesori.Io sono sicura come la morte che DIO c è e quando si stancherà di tutto, a fare i conti con lui saranno quella gente che prova gusto a trattare i nostri familiari come bestiee,è FACILE BATTERTI CON IL PIU DEBOLE VEROOO??MA SAPPIATE DAVANTI AL SIGNORE NON C E’ VIA D USCITAA!!!!E SPERO CHE DIO MI DIA SOLO QUESTA UNICA SODDISFAZIONE…DI ASSISTERE DURANTE IL LORO STERMINIO!!!!!E GIURO KE IO PROVO DOLORO A VEDERE ANCHE UN ANIMALE SOFFRIRE SONO SENSIBILE,MA LI SARò UNA ROCCIA E SORRIDENTE,COME LO SONO ORA LORO CON I NOSTRI CARI,RICORDATE!!!LA VITA E’ UNA RUOTA CHE GIRAAAAA!!!!!

  4. Non Ci Sono Parole Per Quello Che Ho Letto E Sapendo Che Mio Marito E Da Pochi Giorni La Dentro Mi Si Spezza Il Cuore Sapendo Che Vengono Tratti Cosi E Una Cosa Incredibile!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...