Ancora due poesie in napoletano di Luigi dal carcere di Augusta


A chi me vo’ bene

Comme sto suffrenno nun te ‘o saccio dì

manche ‘nu raggio ‘e sole vene a me scarfà, e sempe

maletiempo dint’a sto core mio pecchè me manche

troppo assaie ‘a libertà. E sto cuntanno l’ora e

juorne, l’anne pe’ riturnà a campà vicino a te

quante dulure, tristezze e pene amare te sto facenno

suppurtà, t’o giuro nun vulevo stu turmiento, nun era

chesto ca io te vulevo dà, perdoname, te prego

core mio, t’o giuro nun ritorno chiù a sbaglià

è stato ‘nu mumento ‘e debolezza can un so riuscito

alo caccià, me so sentuto sulo, abbandonato e a

droga me a fernuta ‘e ruvinà, cercavo tutto

dint’a sta povera bianca ma nun capevo ca a me tè

stive alluntà. Ma era sulo ‘o tiempo e ‘nu

mumento e ‘u munno me cadeva attuorno a me

chisà si era sta mancamza toia quando vulevo

a te per ‘na mezzora, stive vicino a me, ma me

cacciare nun me vulive manche pe’ fì ammore e

me sentevo male, rifiutato, peggio ‘e ‘nu cane

abbandonato come a ‘nu puveriello senza ‘e

niente, io te cercà ‘a carità ma in cambio

niente, ma saie io che vulesso a stu mumento

ca fosse sulo suonno o fosse niente

e riturnasse a casa affianco a te pe’ vivere

felice ogni mumento.

………………………………………………………………………….

Puveriello ma ricco ‘e te”

Chisà ‘o futuro mio comme sarà che tengo ca me

Aspetta ‘o late allà so nato puveriello e sfortunato

Senza ‘na mamma ca me accarezzato e so cresciuto

‘nzieme ‘o cielo e a terra cu’ viento ca me accarezzava

‘a pelle e quante vote aggio cuntato ‘e stelle

penzanno pe’ me quale sarà ‘a chiù bella. ‘Nu pate

ca non l’aggio mai capito, ca pe’ me a dato pure

‘a vita, che male dint’o core aggio sentto

perdenno ‘n’atu bene, chillo da ‘ngora e overo si

so nato sfortunato pecchè manche l’ammore

me a stennuto ‘a mano e tengo per mugliera

‘a na guagliona che l’aggio date sulo delusione

manche ‘nu piezzo ‘e carne m’appartene so chiù

de figli miei e ‘i voglio bene e overo si so

puveriello assaie però so’ troppo ricco dint’o core

‘e sentimenti mie so’ troppo assaie e voglio

bene pure  a chi fa ‘o male, mo’ stongo troppo

male e saie che penzo: vulesso i’ all’utu

munno pe’ fa fernì sta sofferenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...