Ancora “voci dal carcere di Augusta”


ALTRE POESIE DI FRANCESCO RICEVUTE POCO FA 

In cella

Un passo

un altro

un altro ancora

dalla finestra al cancello

e il mio cuore

sprofonda in un abisso.

Un passo

un altro

un altro ancora

dal cancello alla finestra

e l’anima mia

vola nell’infinito.

Un passo

un altro

un altro ancora

e il tormento

non ha mai fine !

…………………………………………………..

Realtà

Lo sguardo,

elemosinando un po’ di compagnia,

scruta il cielo

che gli appare come uno schermo

ove i mutevoli contorni delle nuvole

proiettano, immagine dopo immagine,

il film della vita.

Cerco di attenuare il dolore,

illudendomi, di riuscire a vincere

la mia solitudine.

Ma, l’improvviso ed amaro

epilogo della rappresentazione,

vela di silenziosa umidità

lo sguardo che adesso,

spoglio di emozioni,

fissa la muta e solitaria cella.

………………………………………………………

Dalla finestra

Nel cielo si sono accese

mille timide e piccolissime luci

che corteggiando

la misteriosa e affascinante luna

percorrono il rettangolo della finestra

trasformandolo

nell’eternamente

mutevole quadro della vita.

Contemplando

tale meraviglia mi chiedo

cos’altro significhi “libertà”

se non la consapevolezza

di essere una goccia d’acqua

che naviga

nel fiume dell’esistenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...