Superare le difficoltà e gli ostacoli


“Voi incontrate delle difficoltà, degli ostacoli, è ovvio… Ma se
prendete la cosa troppo seriamente, vi caccerete in situazioni
inestricabili, proprio perché le difficoltà e gli ostacoli
possono essere superati soltanto incominciando col minimizzarne
la gravità.
Credetemi, in realtà non è il vostro vero Sé ad essere toccato
dai vostri guai. Il vostro vero Sé è al di sopra di tutte le
vicissitudini della vita. Allora, quali che siano le prove da
affrontare, ditevi: «Certo, questi avvenimenti sono reali; non
posso negare il tale insuccesso, la tale delusione… Ma queste
cose accadono veramente a me? No, io sono uno spirito eterno,
immortale, ed è un altro che sta vivendo questi inconvenienti,
non io; questa è soltanto un’illusione di cui io sono
spettatore».”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

3 risposte a “Superare le difficoltà e gli ostacoli

  1. Questa riflessione di Aivanhov mi ha delusa, daccordo sull’essere ottimisti ma addirittura illudersi che certe cose non accadano è un tendere all’indifferenza totale. Si può ignorare quello che accade a noi in prima persona o accade agli altri e ci coinvolge per il semplice fatto che siamo esseri sensibili? Chi siamo noi per elevarci a spirito eterno, immortale? Spettatori di cosa? Anche delle ingiustizie, dei soprusi, delle violenze…ci eleviamo a spiriti eterni ed ignoriamo? No assolutamente in disaccordo…

  2. E’ indiscutibile il fatto di non farci coinvolgere da pensieri “catastrofici e distruttivi”. Dobbiamo ricercare il giusto equilibrio dosando la realtà, la consapevolezza, l’ottimismo.
    Cara Monica, chiedi chi siamo per elevarci? Noi siamo l’essenza stessa di Dio, abbiamo il suo spirito. Noi siamo dei Santi e possiamo fare anche miracoli se solo lo volessimo con Fede.
    La nostra altezza è parialla grandezza dell’Eterno.
    Noi possiamo tutto in colui che ci fortifica.
    Anche superare i problemi più insormontabili, i casi di vita più gravi andando oltre la morte.

  3. Un saluto a Daniela, Antonella e Monica. Non posso non condividere le riflessioni di Antonella però è innegabile la nostra natura bivalente; siamo spirito e carne.
    Quando la nostra realtà fisica ci sovrasta con i suoi dolori e i suoi drammi è inevitabile la sofferenza. Compito del nostro essere anima e quello di elevarci al di sopra delle sovrastrutture umane; ne abbiamo le capacità, se solo sappiamo guardare al cuore nostro e degli altri……..ciao ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...