Finalmente i media si sono accorti che esiste la violenza istituzionale


di Patrizio Gonella, presidente di Antigone

violenza di statoFinalmente i media si sono accorti che esiste la violenza istituzionale, che si può morire di botte in prigione, che la tortura non riguarda il terzo mondo. Le forze politiche ancora balbettano. Un modo elegante per uscire dal silenzio sarebbe l’approvazione di una piccola legge, quella che introduce il crimine di tortura nel codice penale. L’Italia nel lontano 1987 ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura ma oggi rispetto a essa è ancora inadempiente. Nei seguenti paesi europei la tortura è un delitto specifico: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Islanda, Lettonia, Lussemburgo, Macedonia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria. In Italia la tortura invece non è reato. Vi sono vari disegni di legge pendenti. I senatori radicali Poretti e Perduca tentarono un coraggioso colpo di mano mentre si discuteva il pacchetto sicurezza. L’emendamento che avrebbe introdotto il crimine di tortura fu bocciato per soli cinque voti. Non sappiamo chi allora votò contro perché il voto era segreto. La proposta di legge sulla tortura va approvata senza farsi condizionare dai sindacati di polizia e dalle forze dell’ordine. Di fronte agli episodi gravissimi di questi ultimi giorni appaiono non comprensibili tanto meno condivisibili le giustificazioni, le difese di corpo, le rimostranze sindacali sul numero scarso di poliziotti al lavoro nelle carceri. Non regge l’assioma secondo cui poiché i poliziotti sono pochi, di conseguenza sono stressati e quindi…. Riteniamo che la questione non sia quella di aumentare l’organico di polizia bensì di razionalizzarne la dislocazione. Nell’Europa dei 27 l’Italia ha raggiunto il ragguardevole risultato di essere tra i paesi con il numero più alto di poliziotti penitenziari in termini assoluti e relativi. Se si considera l’attuale numero di detenuti – 65 mila circa – in Italia abbiamo un poliziotto penitenziario ogni 1,54 detenuti. La media europea è di 2,94. Sono 42.268 i poliziotti penitenziari in organico. 39.482 sono i poliziotti che lavorano effettivamente per l’amministrazione penitenziaria al netto di distacchi e assenze di vario tipo. Tra le situazioni regionali di maggiore disagio vanno segnalate quelle del Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Sardegna. Posto che circa 1500/1800 agenti svolgono compiti anche di natura contabile, che circa 700 agenti lavorano negli spacci, che circa 4/5000 uomini sono giornalmente impegnati nei servizi di traduzione e piantonamento dei detenuti fuori dalle strutture penitenziarie, che circa 500 agenti lavorano al Ministero della Giustizia, che circa 1600 agenti lavorano al Dap, che varie migliaia sono impegnate nei Provveditorati regionali, nelle Scuole di formazione, agli U.E.P.E., al GOM – Gruppo Operativo Mobile-, al N.I.C. – Nucleo Centrale Investigazioni, all’U.S.P.E.V. Ufficio per la Sicurezza del Personale e della Vigilanza, al Servizio Centrale delle Traduzioni e Piantonamenti, con annessa la sezione relativa al Servizio Polizia Stradale, fuori dall’Amministrazione penitenziaria (Corte dei Conti, Presidenza Consiglio dei Ministri, C.S.M., ministeri diversi) ne restano a spanne 16 mila che si sobbarcano il lavoro atto a garantire la sicurezza complessiva nelle carceri. Per un sud che non ha carenze di organico – anzi –  vi è un nord dove la situazione è drammatica (a Padova nuovo complesso mancano 78 unità, a Tolmezzo 38, a Torino 187, a Brescia 155). Si tratta di eredità del passato difficili da gestire ma che non giustificano lamentele. Soprattutto non giustificano comportamenti illegali. Vorremmo che fossero gli stessi sindacati di polizia a chiedere che la legge penale italiana persegua la tortura e i torturatori. Solo così le loro rimostranze saranno credibili. 
  da www.innocentievasioni.net

3 risposte a “Finalmente i media si sono accorti che esiste la violenza istituzionale

  1. Sono totalmente daccordo con il contenuto dell’articolo. Io ho sempre saputo di tali cose, se non altro per essere stato in Italia il primo ricercatore a pubblicare nel 1976 un’inchiesta sugli abusi e gli eccidi ad opera delle forze di polizia. Quella inchiesta, inizialmente limitata al periodo 1943-1976 fu poi ampliata in una seconda edizione (stampata nel 1978) comprendente il periodo 1860-1977. Naturalmente, sebbene dopo molti anni, non dispero di farne una terza giungendo fino ai nostri giorni. E’ vero che esiste solo ciò che cade sotto la nostra attenzione ed è vero pure che ciò di cui non ci accorgiamo, non esiste. Vorrei fare solo un’osservazione. Quella parte, ritengo notevole, di agenti di polizia, di carabinieri e di agenti di custodia, che svolge con onestà il proprio lavoro istituzionale, resterà invisibile fin tanto che la parte peggiore continuerà a restare del tutto impunita. Un esempio? Nel 1977, fui testimone come giornalista, dell’uccisione di Giorgiana Masi. Era il 12 maggio di quell’anno, all’imbocco di Ponte Garibaldi a Roma, dalla parte di Trastevere. Quel che vidi in quell’occasione, la paura che provai nel sentirmi sotto tiro (bisognava essere bravi a schivare i colpi di pistola sparati ad altezza d’uomo) mi sono rimasti impressi nella mente. Oggi è giunto il momento di dire tutto di tutti, senza false reticenze e senza immaginare di coprire nessuno. Solo così sarà possibile evitare altre ingiustizie e altre impunità.

  2. Sono onorata di aver ricevuto questo commento da un esperto del settore , grazie collega, sia come giornalista che come “esperto” del pianeta carcere in cui sono volontaria da due anni. spero che vorrai interevnire altre volte qui sul mio sito.

  3. Ti posso assicurare, cara collega, che anch’io sono onorato di aver trovato tanta sensibilità civile, in un tempo in cui pare che la memoria di certi fatti sia andata del tutto perduta. Nei prossimi giorni interverrò ancora nel tuo sito, sperando di apportare validi elementi di riflessione intorno ad una questione, qual è il rispetto dell’individuo da parte dello Stato, che fino ad oggi è stato affrontato poco e male. Un cordiale saluto e a presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...