“Rifacciamo il muro di Berlino”


Oggi è il 20esimo anniversario della caduta del Muro di Berlino che ha diviso la città di Berlino, e di conseguenza anche la Germania, per quasi 40 anni. Per celebrare questo giorno pubblico questa canzone

Testo e musica di Francesco Baccini dall’album “Nudo” del 1993

muro di berlinoCade il Muro di Berlino
Cade il Muro di Berlino
Another brick in the wall

Stanotte inizierò da solo
fa freddo qui a Berlino est
è dura fare il carpentiere
e sopravvivere agli skin-heads
Ho già parlato coi compagni
polacchi, italiani ed ebrei
faremo i turni di lavoro
fino alla mattina alle sei

Facciamo il Muro di Berlino
Adolfo non ritornerà,
facciamogli scoppiare un casino
e tutto il mondo canterà…

“Another brick in the wall,
another brick in the wall,
another brick in the wall”

La Grande Germania credeva
che ci fossimo dimenticati
di dieci milioni di amici
allegramente carbonizzati,
ad Auschwitz c’era la neve
e c’era pure mio padre
gli han dato un biglietto di andata
ma il ritorno l’ha dovuto inventare.

Facciamo il Muro di Berlino
il Terzo Reich non tornerà
facciamogli ingoiare il casino
e tutto il mondo canterà…

“Another brick in the wall,
another brick in the wall,
another brick in the wall,
another brick in the wall”

Indiana Jones certo ha ragione
certe cose sono tabù,
tu le rompi e la maledizione
ti prende e non ti molla più
ma forse siamo ancora in tempo
anche se a qualcuno non piacerà
ragazzi prepariamo il cemento
e muriamo la stupidità

Facciamo il Muro di Berlino
non siamo reazionari però
i crucchi ci faranno un festino
che finiremo K.O.

Vogliamo il Muro di Berlino
facciamolo per carità
di scemi ce n’è al mondo un casino
li porteremo tutti là

“Another brick in the wall,
another brick in the wall,
another brick in the wall,
another brick in the wall,
another brick in the wall”

Annunci

Una risposta a ““Rifacciamo il muro di Berlino”

  1. 2o anni senza muro,
    la pace non ha più nessuno.
    A volte meglio le divisioni
    che senza volerlo creano le unioni.
    Del muro in Germania c’è bisogno,
    con quello sarebbe continuato il sogno.
    Mattone su mattone
    cemento su cemento
    viva la Germania
    senza o con il suo tormento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...