Imploriamo la libertà del perdono


 la libertà del perdonoFratelli miei,
Sono stufo di leggere e di sentir dire sempre le stesse, solite, noiosissime, cose sul tema dell’ergastolo. Sono davvero infastidito per tutto quell’untuoso vittimismo con cui, quasi sempre, si affronta tale argomento! …
Ma, ditemi, quale libertà andiamo cercando? Quella della falsità, della menzogna e dell’ipocrisia?
No, amici miei, non è il “fine pena mai” la sofferenza più grande; del resto, qualsiasi pena vedrà, un giorno, la sua fine! La sofferenza maggiore nasce, invece, proprio da quel vittimismo, da quella doppiezza, da quell’inganno che sopravvivono ancora dentro di noi e a cui diamo quotidianamente alimento…
Imploriamo, invece, la libertà del perdono. E sgombrano il nostro cuore dalle macerie dell’ignoranza e della presunzione. Apriamolo, il nostro cuore, all’aiuto reciproco e all’amore per il prossimo. Facciamo sempre più spazio alla generosità e all’altruismo ed estirpiamo le intricate radici dell’egoismo, della legge del proprio interesse innanzitutto!
Amici, è inutile prendersela con quelli che ci hanno condannato all’ergastolo: io credo che neanche loro vivano sereni. Sono anch’essi, come noi tutti, dei miseri uomini che si azzuffano con la vita…
Riesaminiamo, invece, la nostra tumultuosa trascorsa esistenza. Riconosciamone gli errori. Ma non abbandoniamo mai la speranza, non perdiamo la voglia di diventare uomini migliori. Non lasciamo che il male ci sconfigga. Vediamo, invece, come suggerì il più Grande dei Profeti, se ci riesce di vincere il male con il bene.
Demoliamo, quindi, il castello di superbia e arroganza che avevamo edificato nelle nostre coscienze e, su quelle rovine, iniziamo a costruire, con i mattoni della rettitudine e il cemento della solidarietà, una casa semplice dove vivere finalmente da uomini liberi.
26/08/2009

Di Giovanni Tropea (da Carcere di Spoleto)

dal sito www.informacarcere.it

2 risposte a “Imploriamo la libertà del perdono

  1. Il Perdono: un termine dal significato profondissimo, spiritualissimo. farebbe remare di misericordia qualsiasi cuore “puro”, qualunque anima “pia”. Ma chi è capace davvero di perdonare? Arrivasse l’uomo a tale altezza!!
    Il più grande dei Profeti disse: non giudicate acciocché non siate giudicati perchè nella stessa misura in cui giudicati e misurati sarete giudicati e misurati e poi…perdona settanta volte sette.
    Chi non è capace di perdonare non è degno di vivere. Non è degno di vedere la grandezza e la potenza di Dio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...